Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Che Tempo Fa

19/05/2011
Aprile 2011, che non sia un’altro 2003 (o 2007)?
sole.jpg
Che non sia un altro 2003? È la domanda che, sotto sotto, qualche viticoltore incomincia a farsi in giro per l’Italia.
In effetti aprile è apparso subito ardente ed energico, evidenziando in modo netto un mese decisamente caldo oltre la media e anche meno piovoso.
Tutti ricorderanno che a Vinitaly si girava tranquillamente in maniche corte! E in quei giorni le temperature si assestavano tranquillamente sopra i 25°C per arrivare a 30°C al primo week end del mese. Successivamente si sono assestate su massime più consone al periodo, mettendoci un po’ di più in linea con la stagione.
caldo.jpg
Anche se la paura di un nuovo 2003 è dietro l’angolo, se analizziamo meglio i dati tecnici del mese di questo aprile, si avvicinano molto a quelli del 2007.

Ma al di là delle similitudini con le diverse annate meteorologiche, la campagna ha risentito di questa situazione. I vigneti sono passati da una fase di dormienza totale (anche perché a marzo aveva ancora piovuto e nevicato) ad una fase di germogliamento fulmineo e scattante. Molti produttori  si sono trovati impreparati, dovendo ancora  terminare le operazioni di legatura del capo a frutto con i germogli che schiudevano dalle gemme.
ingrandisci davideferrarese.jpg
È stata una prima fase che ha creato un anticipo nella stagione fenologica di almeno una settimana/dieci giorni. Con alcune piogge sono iniziati anche i primi trattamenti di difesa contro peronospora e oidio. Allo stesso tempo si è svegliata la natura con la crescita delle erbe e con la comparsa di alcune carenze sulle giovani foglie. In particolare carenze di micro e macroelementi non sufficientemente assorbibili dalla piante in questa fase di forte crescita, non supportate dall’apparato radicale (ancora con le radici affondate nel bagnato) e con all’esterno temperature molto variabili.
Questa situazione si è protratta per quasi tutto il mese di aprile, facendo rientrare le temperature nella normalità verso la metà del mese, ma continuando con la scarsità delle  piogge che in alcune aree sono state totalmente assenti.

Autore: Davide Ferrarese
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...