Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Che Tempo Fa

20/07/2011
Giugno 2011 l'estate che non arriva
ingrandisci giugnopioggia.jpg
A giugno l’estate non era ancora arrivata, anzi, è stato un mese molto più primaverile rispetto a maggio.
Affermare che è stato poco caldo e mediamente piovoso non basterebbe certo a dare la giusta importanza alle varie vicissitudini che si sono succedute nel corso del mese, di cui tutti abbiamo risentito.

Anzitutto dobbiamo premettere che giugno è iniziato sotto una eredità lasciata dalla primavera, con un'emergenza siccità che stava diventando molto pesante per alcune aree.

Il meteo della prima decade si è rilevato perturbato con non poche difficoltà operative tra i filari. La vite si trovava per alcuni vitigni nella fase di fioritura, una delle fasi fenologiche più delicate della sua stagione. In questa periodo si determina la futura quantità e quantità di uva e la velocità con cui questa fase avviene è determinante per la positività del suo risultato.
allegagione.jpg
La disponibilità d’acqua è fondamentale, ma gli eccessi possono essere dannosi per il completamento dell’allegagione e della formazione dei primi acini. Per di più, in questo stadio la pianta è notevolmente sensibile alle patologie fungine.
Le varietà che erano in fioritura hanno risentito dell’andamento climatico della prima settimana con ripercussioni negative sull’allegagione con perdita di fiori e di frutti appena formati.

Si potrà sapere qualcosa di più dell’allegagione appena si formeranno meglio gli acini, e con il probabile risultato di vedere grappoli più spargoli e aperti che qualitativamente potranno essere una conseguenza positiva.

Le condizioni di pioggia e di umidità sono state favorevoli per le malattie fungine, facendo tenere alta la guardia per evitare la partenza della peronospora e della botrite, che avrebbero fatto perdere grappoli a scapito della qualità. E tra una pioggia e l’altra non è stato facile tenere difeso il vigneto, poiché il terreno era bagnato e la durata di oltre una settimana di condizioni piovose ha tenuto col fiato sospeso molti viticoltori.
ingrandisci davideferrarese.jpg
Poi l'estate è potuta decollare con gradualità, senza che il caldo toccasse livelli eccessivi, esclusa qualche punta termica pochi giorni prima della fine mese.

La vite mostra un anticipo fenologico e generale di almeno una decina di giorni, facendo sì anche di completare con un certo anticipo i lavori principali della stagione della palizzatura e della prima cimatura.

In alcune aree del nord sono apparsi acini colpiti dall’oidio, favorito  dall’alto tasso di umidità e da giornate senza pioggia, ma molto più grave è la ricomparsa della flavescenza, malattia che mostra incrementi nella sua incidenza.

Autore: Davide Ferrarese
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...