Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Che Tempo Fa

14/08/2011
Lugliembre, l’estate che gioca a fare l’autunno
ingrandisci nubiesole.jpg
Sulle regioni del nord-ovest l'estate ha continuato a non ingranare con temporali frequenti, depressioni fredde, nuvolosità insistente e poco sole.


A luglio si è chiuso l'anticipato exploit estivo di aprile e maggio, due mesi straordinariamente caldi e asciutti, in parte già attenuato con giugno, che  aveva avuto un numero medio di pioggia abbastanza elevato per il periodo (tra i sette ed i dieci giorni in totale).

sole.jpgE’ fuor di dubbio che questo fresco si fa notare in quanto ci eravamo ben abituati negli ultimi dieci anni a vivere le cinque estati più calde della nostra storia: quella ormai leggendaria del 2003, e in ordine di intensità quelle del 2009, 2006, 2005 e 2010.

Un'estate fresca anche in epoca di riscaldamento globale dunque ci sta, rientra nella normale variabilità climatica -  così dicono gli esperti meteorologici - , tanto più che a vivere sorprendenti anomalie di caldo è adesso la Russia, dove Mosca boccheggia a oltre 33 gradi!

Le regioni del nord-ovest sono state le più penalizzate dall'assenza di alte pressioni robuste e durature.  il nord-est è oscillato tra sbuffi freddi e pause soleggiate, mentre il centro-sud ha visto altalenarsi puntate di soffocante caldo africano e periodi più disturbati da rovesci con termometri in calo.


Poco di buono per le viti, anche se per fortuna la forte precocità primaverile permette di stare tranquilli sull’andamento  fenologico.
ingrandisci davideferrarese.jpg
Di sicuro, dove la variabilità climatica ha accentuato le sue caratteristiche, si nota disomogeneità sulla vegetazione della vite. La forte e veloce crescita primaverile ha impresso una scarsa vegetazione rispetto alla produttività dell’uva, che è maggiore nel rapporto con quest’ultima. Dal punto di vista sanitario ci sono molti presupposti per lo sviluppo della botrite nei grappoli in fase di maturazione.

Se luglio ha fatto cilecca, ora c'è ancora agosto per tentare un recupero. In molti si sbilanciano come sempre nelle previsioni del prossimo periodo che è molto importate per la maturazione delle uve.
 
Autore: Davide Ferrarese
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...