Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Wine Fiction

27/05/2012
Pietro Pane e il ristorante che non c'è.
ingrandisci peterpanrestaurant.jpg
Ogni giorno alle 3 di pomeriggio quando Pietro Pane, giovane chef del ristorante "Magna Magna", iniziava a cucinare tutto il quartiere diveniva silenzioso e restava  in attesa.
La gente smetteva di lavorare, le casalinghe aprivano la finestra e spengevano la televisione, i ragazzi che studiavano chiudevano i libri, quelli che giocavano a pallone in strada si bloccavano come nel minuto di silenzio all'inizio delle partite. I cani si stoppavano nella posizione di punta al fagiano, gli uccellini smettevano di svolazzare e si appollaiavano sui fili della luce. Persino i tram di passaggio si fermavano perchè sia l'autista che i passeggeri non volevano perdersi il "PGP".
Il PGP era il"Primo Grande Profumo" che regolarmente ogni giorno, tra le 15 e le 15.05 usciva dalla cucina del ristorante. Il PGP non era un semplice profumo di cottura,  ma bensì la quintessenza, la sublimazione, la sua elevazione all'ennesima potenza.
Per esempio, se Pietro (che era considerato da molti il più grande cuoco del mondo) faceva un soffritto, il suo profumo ti arrivava piano piano al naso, ti stuzzicava, ti titillava i sensi, ti conquistava, ti riportava alla mente tutti i soffritti della nonna, ti faceva tornare bambino ed alla fine inevitabilmente (grazie anche alla cipolla) ti faceva piangere di gioia. Addirittura se la giornata era limpida qualcuno riusciva a intravedere una nuvoletta a forma di padella fumante svolazzare per il quartiere. E questo solo con un soffritto!
Ma il PGP finiva inesorabilmente dopo pochi minuti. Perchè alle 15.05  Tano Uncini, il perfido proprietario del locale arrivava al ristorante, sprangava tutte le finestre, serrava ogni apertura e chi voleva godere ancora dei profumi e dei sapori creati da Pietro doveva pagare le esose cifre che Uncini richiedeva per una cena nel suo locale.
E la gente pagava. Il locale, aperto solo la sera, era  costantemente strapieno. La lista di attesa era di almeno 3 anni ed il bagarinaggio per un posto a tavola toccava cifre da capogiro. Nel ristorante si pagava letteralmente anche l'aria. Il tavolo più vicino alla porta della cucina costava il 30% in più. I camerieri, per scordarsi la porta aperta di cucina esigevano cifre con almeno 6 zeri e si narra che il caposala, per far fare scarpetta in una pentola, abbia ottenuto da un noto dentista sei otturazioni, quattro ponti, due apparecchi per i figli, nonchè la fornitura a vita di spazzolini e dentifrici.
logo-captain-hook.jpgPietro, che era un ragazzo molto semplice e schivo non sopportava questo modo di fare, adatto ad una star di Hollywood ma non ad uno che per mestiere, come diceva lui, usava le mani. Il suo sogno era di aprire una trattoria dove giorno e sera servire piatti semplici  a prezzi popolari, per rendere felici il maggior numero di persone.
Per questo prendeva le ferie solo durante la festa di quartiere e lavorava gratuitamente allo stand gastronomico. Il primo anno la notizia fece appena a tempo a fare il giro della città e con 40 posti a sedere si fecero in 10 giorni 100.000 coperti.
Il secondo anno, viste le pressioni, mettemmo il doppio dei tavoli e servimmo almeno un milione di persone. Il terzo anno la coda per mangiare arrivava  sul raccordo autostradale, proseguiva verso Milano per almeno 25 chilometri e poi tornava indietro terminando proprio davanti alla cassa della festa. Mio zio Mario, credendo di avere solo una persona davanti, si mise in fila e trascorse tutto l'inverno in tangenziale, nutrito dai camionisti di passaggio.
Ma anche chi non mangiava andava via felice con in testa tutti i profumi creati da Pietro, che sin dalla più tenera età aveva dimostrato doti quasi demiurgiche per la cucina. La sua mamma raccontava sempre di quando il bambino aveva 6 mesi e lei aveva sentito venire dalla sua cameretta uno stupendo odore di arrosto girato che si scoprì provenire dai pappagallini di plastica appesi sopra la culla,  che ruotavano sfrigolando sopra a un  Pietro felice e scalciante.
Erano poi diventati famosi i timballi di sabbia ed acqua di mare che il piccolo preparava sulla spiaggia durante le vacanze. Bambini e genitori facevano chilometri a piedi sotto il solleone per poter assaggiare quella squisitezza che niente aveva a che fare con le materie prime iniziali.
Ovviamente noi tutti del quartiere gli volevamo un gran bene: l'avevamo visto crescere e purtroppo cadere nelle grinfie di Tano Uncini, che lo aveva prima coccolato e poi circuito, facendogli firmare un contratto capestro di lunghissima durata. Ma ora mancava poco alla sua scadenza e tutti nel quartiere pregustavano la libertà di Pietro. 
Lui contava i giorni che mancavano a coronare il suo sogno. Aveva da tempo in testa anche il nome: "L'isola che non c'è", un'osteria rifugio per tutti quelli che volevano mangiare bene e spendere poco, un luogo di sosta per il viandante, con piatti semplici ma semplicemente geniali, frutto della tradizione e soprattutto di materie prime stagionali di altissimo livello.
cagt6h8r.jpgNon come le ricette che Tano Uncini lo costringeva a preparare. Pietro aveva iniziato ad odiare le selle di coniglio, i filetti di quaglia, le tette di allodola, le guance di trota siberiana: brutti riassunti alimentari per colpire prima il portafoglio del palato. Sui letti di rucola ci avrebbe steso le mamme di tutti quelli che li ordinavano ed i vezzeggiativi tipo, "bocconcetti, padellatina, cupolette etc .etc" lo facevano ululare dall'incazzatura.
Per non parlare delle troppe mousse, dei cucchiaini con sopra di tutto-bastava che fosse niente, delle costruzioni barocche che doveva architettare per soddisfare le mire del suo padrone. Ma invece la clientela del "Magna Magna" usciva matta per questi sotterfugi letterari, sbrodolava per giacigli erbacei e andava fuori di testa per qualsiasi mini sezione di animale o vegetale.
Non per niente uno dei piatti più famosi del locale era la "zatterina vegetale con piccolo naufrago teutonico" che non era altro che mezza zucchina ripiena di carne di germano, ma che ogni giorno veniva regolarmente richiesta da almeno metà dei clienti.
Ma presto tutto questo sarebbe finito e Pietro si vedeva già nel suo ristorante: lui in cucina e Wendy, la donna della sua vita, in sala. Lei era venuta da poco ad abitare in zona e si erano incontrati durante la festa del quartiere. Pietro si era subito innamorato, ma il corteggiamento era durato  mesi perchè lei, in un primo tempo, non voleva sentirne parlare. Ma piano piano lui aveva fatto breccia nel suo cuore.
Aveva iniziato col mandarle ogni giorno mazzi di rose rosse di cioccolata. Per il suo compleanno le aveva regalato una Ferrari di marzapane, per Natale una slitta con le renne vive ma fatte di Pan di Spagna. Quando Wendy si era vista arrivare a casa un cuore di pasta frolla alto due metri, che ad ogni battito sfornava un bignè di gusto sempre diverso aveva capito che quello era il suo uomo. Da allora erano divenuti inseparabili e tutto il quartiere aspettava con l'acquolina in bocca il pranzo di nozze.
Ma prima del matrimonio Pietro voleva chiudere col "Magna Magna" ed aprire il suo ristorante. Bisogna dire che Tano Uncini non aveva fatto niente per trattenerlo, solo un discorso: "Caro Peter, tu hai fatto la mia fortuna ed io ti sono in qualche modo debitore. Per questo ti dico di stare molto attento, non credere che aprire un ristorante sia una cosa semplice, specie per chi vuole lavorare come te. Troverai ostacoli dove meno te l'aspetti, perchè purtroppo l'intelligenza è sempre meno di casa in questo mondo affetto da circolari ministeriali insensate e da funzionari colpiti da manie di grandezza. Sappi comunque che qui potrai sempre tornare."
Pietro non capì molto di questo discorso che purtroppo si sarebbe invece rivelato tragicamente vero.
Riuscirà Pietro a coronare i suoi sogni? Lo sapremo alla prossima puntata.
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 3
Giovanni Livi
inserito il 30/05/2012

La fantasia è sempre stata in te, nel corso degli anni si stà affinando come il vino in bottiglia.... le lunghe camminate che facciamo servono a "caricare" le batterie. Continua così

cristina48
inserito il 30/05/2012

se non erro, io ho avuto il privilegio di leggere anche la seconda parte... il libro, Carlo, il libro

ASDASD
inserito il 19/12/2012

cheap nike air max 90 " Zen master" for the negotiations very satisfied, may have accepted a two-year contract to return to the purple army. The two sides will also on some of the details of consultations, if all goes well, Jackson is expected next Wednesday in the Beijing standard time Lakers against the Sanantonio spurs in World War I go to take office. ugg boots clearance sale As for now, after the current 16-game field of Jeremy Lin is averaging 10.9 points, 4.4 rebounds and 6.6 assists, the hit rate of 39.3%. This, of course, is not really how magnificent performance, but this data is also not the eyes of some critics worthless. , Jeremy Lin may not be able to complex the engraved season "Lin crazy, the bad word certainly suffer with him on top, is not it? At least for now, Jeremy Lin is a standard of the guard is above the league average grade.

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...