Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINstoranti

06/10/2011
Da Pino Cuttaia a La Madia: grande pranzo e….cabaret
ingrandisci madia.jpg
Licata, piccola cittadina portuale in provincia di Agrigento, non offre molte attrattive dal punto di vista turistico, non almeno per chi ha interesse verso i percorsi storico-archeologici. Ne ha però almeno una per coloro che preferiscono lasciarsi tentare dai peccati di gola. E dopo un paio di settimane trascorse nel tranquillo e tutto sommato piacevole anonimato gastronomico sanvitese, ci sentiamo pronti per cedere ai richiami del quinto vizio capitale. Da qui a decidere di mettere a frutto parte del capitale guidaiolo che imbarcammo a suo tempo, concedendoci la visita a uno dei più celebrati ristoranti siciliani, il passo è breve.

I più intuitivi avranno già capito che il locale è La Madia di Pino Cuttaia, che si trova su una delle direttrici che scendono a mare, poco prima che la Via Filippo Re Capriata si allarghi per fare spazio a un doppio marciapiede alberato.  Al numero 22 c’è la piccola e quasi anonima porticina d’ingresso al locale; si fatica a individuarla passando veloci in auto, acusticamente sollecitati come si è da un traffico restio a comprendere le difficoltà a districarsi di chi transita con targa “straniera”, ma una volta entrati ecco che l’atmosfera cambia di colpo e si fa largo un clima accogliente e sereno. 

Il dolore subito durante le preventive soste al Bancomat, è subito controbilanciato dalla constatazione di essere gli unici clienti e di avere in cucina, fatto non scontato,  Pino Cuttaia a nostra disposizione.  La sosta a La Madia si preannuncia dunque, oltreché emozionante sotto il profilo gastronomico, anche squisitamente ilare grazie a sei inaspettati clienti, sopraggiunti accompagnati da una robusta e sbandierata raccomandazione.
Sulla cucina de La Madia, aperto nel 2000 assieme alla moglie Loredana, e insignito della prima stella Michelin nel 2006, ne hanno scritto diffusamente i più quotati critici gastronomici ,approfondendone i risvolti ed i significati culturali e sviscerandone gli aspetti più tecnici legati alle materie prime ed alle tecniche di cottura. Già è stato detto quanto la cucina di Pino sia una cucina “della memoria”, di tecnica sopraffina e dai forti legami siciliani, e quindi a conti fatti, per restare su terreni più inesplorati, resta dunque ben poco che io possa dire in grado di interessare il lettore di Winesurf.

Me la gioco tutta, allora, sulle spigolature de “i soliti raccomandati”, non senza prima avervi elencato le delizie di cui abbiamo abbondantemente goduto. Non me ne vogliano i lettori e Pino stesso, per eventuali incompletezze di trascrizione dei piatti: ogni errore od omissione è da addebitare esclusivamente a me medesimo ed alla vergogna di prendere appunti durante la libagione.
Mi corre inoltre l’obbligo di precisare che, anche qualora possedessi un vocabolario sufficientemente ampio per aggettivare i piatti, non sarebbe in ogni caso abbastanza esteso per descriverne i piaceri da tali piatti provocati.  Il piatto di benvenuto è una spuma di mozzarella di aerea leggerezza, avvolta in “tela” di latte con panzanella di pomodorini passiti che ci galvanizza immediatamente.
A seguire Baccalà affumicato alla Pigna su purea di patate e polvere di olive, poi polipo Maiolini con lenticchie disidratate di Ustica, crema di ceci e spuma di acqua di cottura. La spuma è cristallizzata e richiama efficacemente l’idea degli scogli.
Quindi è il momento dell’Arancino con ragù di triglia e finocchietto e del Cannolo di melanzane avvolte in fili di capelli d’angelo croccanti. Chiude la Battuta di manzo all’olio di cenere con patate cotte nella cenere. Ci riposiamo con gli ultimi due piatti, la Granita di limone con panino e la Cornucopia (cannolo) ripieno di ricotta e gelato al Vecchio Samperi, che non è il nonno di nessuno, ma un Marsala di De Bartoli. 
Lapidariamente: eccellente in ogni piatto ed il conto sotto i 100 euro con una bottiglia di SP68 Rosso di Arianna Occhipinti che si è rivelato quantomeno versatile.
 

E veniamo alle “spigolature”, in questo caso propiziate dal luogo stesso. Premesso che secondo il Censis un italiano su quattro pensa di trarre vantaggio presentandosi con la “spintarella”, non avrei mai supposto che si potesse fare anche al ristorante presentandosi con il classico “Mi manda….”.

I raccomandati arrivano nel locale dopo aver telefonato un paio di volte per farsi indicare la strada e, dopo essere entrati, il dialogo si svolge più o meno così:

Avventore 1: “Uè Pino, mi manda Antò dice che si magia bbuono.” ( l’accento è campano)

Dopo aver lasciato i menù.

Pino: “Avete per caso qualche intolleranza a determinati cibi o alimenti?”

Avventrice 2: “Il crudo non lo preferisco ma l’importante è che il prezzemolo non lo mangio.”

Avventore 1 (evidentemente il capogruppo): “ Senti ammè, ma un pesciolino nostro ce l’avete?”
ingrandisci madiafoto(2).jpg
Avventrice 2(sovrapponendosi): “Ma…di primi vostri, proprio vostri che c’avete?

Pino (che inizia a essere perplesso): “Guardi, se volete dare un’occhiata al menù noi facciamo cucina creativa..”

Avventrice 4: “Fate per caso qualche crostino particolare, una schiacciatina,che so…”

Pino: (arrossendo) “Guardi, ripeto, noi facciamo cucina creativa…”

Avventore 3. “Ma non ci può fare i gamberi così, normali normali,arrosto con un filo d’olio vostro? oppure gamberetti o calamari fritti?”

Pino: “No signore, non li facciamo.”

Avventrice 4: “E i vongole, ci stanno i vongole?”

Pino: (che cadde tre volte sulla stessa frase) “No signora, facciamo cucina creativa ma se vuole,(con le vene del collo in fase di rigonfiamento)  una pasta  al pomodoro gliela faccio.”

Nel frattempo l’avventore1: “A Pino, guarda che mi so speso aquuà, eh! Che vulimmo fa?”

Pino, con pazienza e perseveranza: “Preferite fare il percorso intero o mezzo percorso?”

Avventore 1: “E faccimmo nu mezzo giro.”

Nel frattempo, in sala entra l’addetto ai vini chiedendo se avessero deciso qualcosa:

L’avventrice 2: “Io bevo colomba platino…senno nu chardonne o nu greco.”

Arriva il primo piatto di benvenuto,la “palla” di spuma di mozzarella che Pino spiega ai clienti:
ingrandisci bordeaux_2011113.jpg
Avventrice 2: “Ah, ma io a mozzarella nun la mangio.”

Pino: “Guardi che è una mozzarella vostra…”

Avventrice 2: “Ah, si?”  Dopo averla mangiata: “Bbona però, che robba è?”

Arriva un terzo piatto in tavola e Pino si appresta  alla spiega ma….

Avventore 1: “O Pino, aspetta nu mumento che sto al telefono….”

Intanto l’avventrice 5: “Ci deve consigliare qual cosina perché domenica ci ho il battesimo di mi fiio e voiio fare qualcosa di speciale: com’è che si fa sto piatto che m’è piaciuto?? Chiede indicando il Polpo Maiolini…..”
 



Mi avvio alla conclusione sperando che abbiate gradito il dialogo reale che si è svolto tra alcuni clienti che evidentemente hanno “sbagliato” il locale e uno Chef che in questo caso si è anche rivelato maestro nel tatto oltre che nel tocco. Molto probabilmente il suggerimento è stato fatto da una persona più tesa ad accreditasi come gourmet che interessato al benessere dei raccomandati.

Noi ci siamo divertiti e allo stesso prezzo abbiamo avuto pranzo e cabaret.
 
La Madia
Via Filippo Re Capriata 22
Licata (AG)
0922.774736
Chiuso: martedì e domenica sera
In agosto chiuso martedì e domenica a pranzo www:ristorantelamadia.it

 
Autore: Giovanni Solaroli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 2
Simona
inserito il 06/10/2011

E io da buona siciliana, nonostante conosca il posto per la fama, non sono ancora riuscita ad andare!! Chissà se avrò mai la fortuna di beccare la serata con cabaret dal vivo!!

Pasquale Porcelli
inserito il 06/10/2011

Grande Giovanni! però per farti due risate devi andare sino in Sicilia! che vita ragazzi quella dei pensionati.

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...

16/03/2017

Export vino italiano nel 2016: ottime notizie…o no?

Arrivano i dati dall’Osservatorio del Vino  sull’export italiano del 2016 e subito giù titoli ...