Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Wine Fiction

10/03/2012
Mamma, quel vino mi guarda male!
ingrandisci rasputin.jpg
Dopo le discussioni di questi giorni su alcune frasi di Josko Gravner, che inevitabilmente hanno coinvolto il concetto di vino cosiddetto naturale, biodinamico, biologico etc, ho sentito il bisogno, per allentare la tensione, di immaginare come potrebbe essere un mondo dove certe tipologie di vini vengano prese effettivamente moooolto sul serio.
 
 
Verona, 27 Germinale 2374

Carissimi lettori,

ingrandisci santone.jpgdi ritorno da Vanitaly, la fiera dove le vanità umane vengono confessate e redente dall’occhio vigile e saggio dei molti vini presenti, come al solito mi sento più puro, leggero e felice. Non poteva essere diversamente dopo gli incontri e gli assaggi che ho avuto l’onore di fare.

Pensate! All’interno dell’immenso Monastend dei vini Diologici la mia prima visita è stata da RasputinVin, dove sono stato accolto proprio dal barbuto e affabile titolare. Dopo la benedizione di rito mi ha fatto assaggiare subito il loro vino bianco più importante, il “Tu es Petrus, Vigneto Contra Gentiles” del 2368, da uve Matrioska in purezza.
Le caratteristiche uniche di questo bianco vengono direttamente dal vitigno, famoso per produrre un solo chicco per pianta; il chicco è piuttosto grosso ed al suo interno ha un altro chicco, che a sua volta ne ha un altro all’interno e così via.
Ma veniamo al vino: il colore è rubino intenso e questo solo grazie al miracolo dovuto alle ripetute preghiere dei molti fedeli che frequentano la cantina. I profumi, intensi e profondi, vanno dal sandalo di santone alle note balsamiche dell’incenso. In bocca i tannini levigati dalla lunga macerazione e dall’ancor più lunga flagellazione sono rotondi,  fitti e armonici.
E’ un vino che ti vuole guardare dritto negli occhi prima di lasciarsi lappare, in ginocchio, dalla ciotola di terracotta messa a terra, così che il fedele possa prostrarsi  verso il Holy-Joly Altare.

Non ho invece potuto assaporare il loro rosso di punta “Il Santo Graal”, perché non avevo effettuato la notte di meditazione e preghiera obbligatoria prima di avvicinarsi a lui.
charles_manson.jpg 

Mi sono rifatto però ampiamente nello stand della Templar Wines dove ho potuto gustare “Dio lo vuole!” il loro vino più famoso da uve Crusades, incrocio tra Malvàgia e Sangiovese.
L’occhio è come sempre profondo (neanche l’infantile frase di una bambina “Mamma quel vino mi guarda male!” è riuscita ad incrinare la sua ieraticità). Superato l’esame visivo, fonte per me di una certa apprensione (molti non ce la fanno e vengono immediatamente allontanati) il vino si apre a gamme aromatiche assolutamente particolari. Nel mio taccuino ho scritto: carne, carne bruciata, calore, ferro caldo, sangue, chiodo e chiodo di garofano. In bocca sembra torturare il palato tanto è potente.

Ma il massimo è stato il breve ma intenso incontro, nello stand della Ku-Klux-Vin, con Charles Manson, il guru della Diodinamica americana, che mi ha ammesso alla presenza del suo vino più conosciuto e da molti idolatrato: sto parlando addirittura del Cylicio Rosso, vino che se vuole può avvolgerti e, grazie ai suoi tannini pungenti e alla sua acidità tagliente, ti mette in una condizione molto particolare di piacere che…chi non ha mai provato non può nemmeno immaginare.

Potrei continuare per ore ma lo spazio è tiranno e quindi, a malincuore, vi devo salutare, dandovi comunque appuntamento per il prossimo Vanexpò a Santiago de Compostela.

Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 4
thefoolonthehill
inserito il 11/03/2012

Quando il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito. Parrebbe non entrare nulla con tutta questa questione riportata da Scanzi, poi messa in risalto da quel ganzo di Fabio Rizzari ed infine qui su Winesurf. Eppure un po' c'entra, secondo me, anche se in maniera un po' ribaltata, per così dire: Il fatto è che è palese che Gravner intendeva un'interpretazione figurata del vino che si modificava a secondo i chi si trovava di fronte. Ma perchè allora accanirsi su una frase del genere, verrebbe da domandarsi ? Perchè siamo di fronte ad un lapsus freudiano : Rizzari ed anche Carlo Macchi sembrano voler chiaramente sottintendere che Gravner è un pazzo e questa è la prova. Magari non è così,ma questo pezzo di oggi con le belle facce di Rasputin e Charles Manson pare a me solo ribadire un concetto espresso fin troppo chiaramente.

Stefano Cinelli Colombini
inserito il 11/03/2012

Si e no. Certo Gravner intendeva quello che dice lei, ma va anche detto che é l'ennesimo esempio di un mondo del vino che si prende troppo, troppo sul serio. E che cavolo, d'accordo che dietro a ogni grande vino c'é un mare di lavoro e più di un pizzico di fanatismo, ma alla fin fine é tutta roba che si beve. Mica cura il cancro. Ritorniamo a giocarci sopra, riscopriamo Dioniso e una sana ilarità e basta con tutti questi tecnicismi divinizzati! Una sana risata ci farà solo bene.

carlo macchi
inserito il 11/03/2012

Ringrazio veramente thefoolonthehill perchè speravo che qualcuno prendesse l'argomento da quel punto di vista. Questo per poter spiegare in maniera seria quello che vuole essere (magari non ci riesce, per carità) un modo di scherzare su un tema che dovrebbe essere preso con la giusta ironia. Nessuno pensa che Gravner sia un pazzo o altro, le due foto e la RasputinVin non si ispirano a nessuno ma solo al pensiero che a prendersi troppo sul serio, TUTTI, si rischia di cadere preda del primo santone o presunto tale; e non sto parlando solo del mondo del vino. Sono due foto forti, lo ammetto, perchè volevo che questa mia idea colpisse. Poteva succedere anche l'opposto, cioè vedere la cosa come una condanna di un produttore e di un modo di fare vino.Per questo ringrazio ancora thefoolonthehill per avermi permesso di cercare di spiegare. I Monastend mentali ce li abbiamo tutti, più o meno sviluppati e cercare di parlarne in maniera spero scherzosa (per me sicuramente lo è) e mooooolto fuori dal reale credo possa servire a stemperare molti toni, come del resto ho scritto all'inizio del pezzo.

Nelle Nuvole
inserito il 14/03/2012

Se il pezzo di Fabio Rizzari mi ha fatto sorridre a lungo, questo di Carlo Macchi mi ha proprio fatto ridere di gusto. Secondo me il Signor Gravner dovrebbe gradire tanta attenzione. In entrambi i pezzi non riscontro alcuna insinuazione di pazzia nei confronti del produttore. Solo una certa ironia per certe frasi che sembrano buttate là per creare effetti speciali. Il fatto è che ci sono tante persone più realiste del re, il quale re rimane intoccabile, qualsiasi cosa dica. Se poi vogliamo giocare ad impermalosirci, personalmente mi irrito nel vedere usato il testo di una canzone così bella in questo ambito.

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...