Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Wine Fiction

22/03/2012
Cavalier Rivella, che sorpresa!
ingrandisci rivellabottiglie.jpg
Dopo anni di discussioni su cambi di disciplinare si o no, prese di posizione, arroccamenti, solenni arrabbiature ecco che con un colpo da maestro, uno dei personaggi principali dell’”Affaire Montalcino”, forse il più importante e mediaticamente rappresentativo, si è staccato dal gruppo e ha creato una propria, inaspettata,  gamma.
Forse non proprio in linea con quanto ci si aspetta da tanto nome ma comunque ben caratterizzata e con alcuni prodotti anche innovativi, tipo il biologico evidenziato da un’esplicita etichetta verde.

Vi anticipiamo che non sarà possibile  assaggiare già a Vinitaly questi prodotti. Per adesso vengono testati quasi in segreto solo in alcune esclusive enoteche  fuori d’Italia, di cui non sveleremo l’indirizzo nemmeno sotto tortura (ma sotto lauto pagamento si!).

Naturalmente noi, in assoluta anteprima mondiale e precedendo personaggi del calibro di Parker, Suckling, Bettane  e tutto il gotha dell’enogiornalismo mondiale abbiamo già assaggiato l’intera gamma e proporremo nei prossimi giorni i risultati della degustazione.

Nel frattempo vi invitiamo a notare come siano state recepite alcune idee da tempo portate avanti da Winesurf, con al primo posto la bottiglia leggera per non parlare poi del tappo “tipo stelvin” e della facilità di trasporto e imballaggio del tutto.

ingrandisci rivellascoop.jpgInsomma, parafrasando Neil Armstrong “Un piccolo passo per l’umanità ma un grande passo per un uomo”.
 
 
 
 
 
 

Ovviamente  è uno scherzo, che crediamo farà ridere per primo il Cavalier Rivella. Le bibite (di questo ovviamente si tratta)  sono state fotografate in un supermercato svizzero e assolutamente non hanno niente a che vedere né con il Cavalier Rivella né con Montalcino ed i suoi vini. Vista la vicinanza di Vinitaly al primo di Aprile non abbiamo resistito e così ecco il nostro “Vinitalesco”  pesce d’aprile.
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 6
Maddalena Mazzeschi
inserito il 22/03/2012

Non ho ancora capito se sei tu che passi le tue inoperose giornate a cercare queste notizie o se sono loro che, desiderose di notorietà che altrimenti non avrebbero in altri importanti e seri giornali, ti cercano disperatamente ...

carlo macchi
inserito il 22/03/2012

Hai presente il concetto di Virtù-Fortuna nel Machiavelli? Se tu non fai niente di virtuoso per stimolarla, la fortuna ti gira le spalle. Idem con certe notizie: se tu non sei predisposto a cercarle, non le trovi.

Nelle Nuvole
inserito il 22/03/2012

Speriamo che rida davvero. Ridere allunga la vita.

Rocco Lettieri
inserito il 22/03/2012

Caro Carlo, ciao. Che bella scoperta. Io che opera da quasi sempre in Svizzera, bevo RIVELLA dal 1971, bibita offertami da una cara amica, Silvana Ruedi, a cui sono stato per tempo legato, e che ancora oggi quando ci troviamo a Zurigo, ricordiamo che ad avvicinarci è stata proprio questa bibita ROSSA fatta a base di latte o yogurt, ora c'è la VERDE a base di the e la BLU senza zucchero. Bella scelta. Buon lavoro, Rocco

Alessandro Griccioli
inserito il 23/03/2012

Mi fai schiantare! Un blog goliardico sul vino è adorabile! Condivido il taglio giornalistico della tua testata on-line, che si fonda su serietà e professionalità negli assaggi e nella selezione delle aziende, ma allo stesso modo fa capire come nel mondo del vino, qualsiasi schema, qualsiasi ricetta preimpostata è da prendersi con le molle; alla fine contano solo la coerenza di un'azienda, la coerenza di un vino in relazione al suo packaging e al suo posizionamento, e la piacevolezza del vino stesso; coerenza che è ben diversa dal "seguire le mode"; oggi soprattutto i piccoli devono essere speciali, devono creare con i propri vini una marea di valori aggiunti per vendere; coerenza, valore distintivo, ben diversi dal seguire le mode! Parlare di vino in maniera sapiente, ma anche goliardica, un po' irriverente, sempre divertente ed interessante, mi fa ultimamente leggere spesso i vostri articoli, che oltre a farmi fare matte risate, mi danno degli input positivi; vorrei rubare spazio per segnalare il nuovissimo sito del Consorzio Chianti Colli Senesi, che verrà presentato ufficialmente al Vinitaly, ma è già online: www.consorziochianticollisenesi.it; chiaro, immediato, giovane, fresco, ed espone quali sono i valori del consorzio! Perchè insomma uno dovrebbe acquistare una bottiglia di chianti colli senesi oggi! Firmato: un piccolo produttore e membro del consiglio del consorzio!

carlo macchi
inserito il 23/03/2012

Grazie Alessandro, anche per la segnalazione del nuovo sito del consorzio Colli Senesi, un vino che dovrebbe essere più conosciuto e apprezzato.

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...