Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

05/04/2012
Il Gaglioppo e i suoi fratelli
ingrandisci gaglioppoe...jpg
Il libro non è una novità, è stato edito nel 2008 ed appartiene a quei libri che vengono, almeno per me, messi da parte per essere tirati fuori quando se ne sente la necessità.

L'occasione di una lettura più approfondita mi è stata data per la preparazione di una lezione monotematica dedicata alla Calabria nell'ambito dei corsi dell'ONAV.

ingrandisci librandi.jpg“Gaglioppo e i suoi fratelli “è il suo titolo ed espone i risultati di un progetto promosso, voluto  e sostenuto dall'azienda dei fratelli Librandi e che ha trovato sponda  nell' Assessorato Agricoltura della regione Calabria. Il progetto scientifico è di Mario Fregoni ed hanno partecipato  fior fiore di professionisti e ricercatori di tutta Italia.

Se c'è una regione in cui è difficile districarsi tra i diversi vitigni coltivati  questa è senz'altro la Calabria. L'intreccio tra  sinonimi (vitigni identici denominati in modo diverso nelle diverse località) e omonimi (vitigni differenti indicati con lo stesso nome) rende estremamente complicato parlare di questi vitigni senza correre il rischio di prendere delle sonore cantonate.
Nonostante i pregevoli studi per il Riordino del Germoplasma Viticolo della Calabria condotti dall'Istituto di Virologia vegetale di Grugliasco (TO), dall'istituto Agrario di san Michele all'Adige e dal Dip. Gestione dei Sistemi Agrari e Forestali dell'Università di Reggio Calabria, si è  ancora ben lontani dall'aver chiarito tutti gli interrogativi di una situazione ampelografica molto complessa.
Restano ancora molti dubbi sulla corrispondenza di alcuni sinonimi ed omonimi con  quelli iscritti  nel registro Nazionale delle Varietà. Uno studio che andrebbe ulteriormente ampliato con riferimento particolare ai quei vitigni che sostengono le DOC.  Il lavoro  mette in luce un giacimento di diversità viticole che non ha forse pari in Italia; merita grande attenzione e  sono certo avrà in futuro moltissimo da dire. Forse andrebbe ancora maggiormente rafforzata la ricerca e le tecniche più strettamente enologiche, branca in cui la regione non ha in passato eccessivamente brillato.
ingrandisci pasqualeporcelli.jpg
La zona storica del Cirotano,  pur rappresentando   il 29% della superficie vitata è al 60% in quanto a produzione dei vini Doc  e da qualche anno affiancata da altri territori che stanno cercando di imporsi sui mercati internazionali e nei gusti dei consumatori. Intendiamoci siamo nei piccoli numeri di nicchia, la  Calabria a livello nazionale rappresenta il 2% e quanto a produzione di vino circa 1%, tuttavia oggi la regione mostra un fermento di piccole realtà che vanno ad aggiungersi a quelle storicamente conosciute e consolidate.
I vitigni dominanti sono naturalmente il Gaglioppo ed i Magliocco tra quelli a bacca rossa, mentre tra quelli a bacca bianca il Greco fa la parte del leone affiancato da Guardavalle e Mantonioco . Impossibile non ricordare il Greco di Bianco uno dei vini dolci più antichi del Mediterraneo e non citare il Moscato di Saracena, altra chicca enologica della regione.

Tornando al libro  è un lavoro corale, fondamentale per chi vuole approfondire questi aspetti, che ritengo affascinanti della storia e della coltivazione della vite in una regione di cui si conosce ancora poco e che non finisce di stupirci.

Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 1
Alberto G.
inserito il 10/04/2012

Il caos sui sinonimi ed omonimi a volte e' davero confusuìionario specie per chi non e' del posto.Su quali aziende puntereste attualmente,quali cioe',voi considerate di sicuro affidamento?Qualche nome nuovo tipo A Vita o l'Acino,piccole realta' che puntano anche sul rispetto della natura. Grazie e prosit.

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...