Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINchiesta

23/04/2012
Zeta Project: cosa è successo?
ingrandisci zetaproject.jpg
Sono un po’ imbarazzato nel scrivere quest’articolo, per una serie di motivi. Parlare della chiusura di un’azienda non è mai bello; se a questo si aggiunge il fallimento di un matrimonio e di un progetto di vita potete capire come occorra andare con i  piedi veramente di piombo.
 
La cosa non è successa ieri ma, anche per i modi strani con cui ne ero venuto a conoscenza, mi ero trattenuto fino a quando non ho pensato che forse, cercando di riportare le notizie senza cadere nel gossip, chiedendo solo alcuni chiarimenti di carattere puramente enoico e lasciando (se vorranno) ampio spazio alle due parti in causa, era giusto parlarne.
 
 
Ma veniamo al fatto. Mi sto riferendo a quanto accaduto a San Gimignano e cioè la chiusura dello  Zeta Project  di Mattia Barzaghi e di sua moglie (ex?) Cassandra Wianhouse.

Seguendo il detto “tra moglie e marito non mettere il dito” bisognerebbe tacere ma la lettera aperta che qualche tempo fa mi arrivò dalla signora Cassandra aveva toni talmente accorati che non era facile ignorarla.
 
logo_barzaghi.gif
In questa lei traccia il recente passato dell’azienda il Caggio e del progetto Zeta Project.  Non voglio qui riportare frasi della lettera ma solo quello che credo di aver capito siano i fatti.
 
Presumo per gravi problemi debitori l’azienda è stata chiusa e ceduta alla cantina La Mormoraia. Lo  Zeta Project è tramontato definitivamente e Mattia Barzaghi è diventato cantiniere proprio dell’azienda La Mormoraia.
 

Non credo sia il caso di soffermarsi su alcuni punti oscuri della vicenda, che riguardano proprio la cessione del marchio e dell’azienda (se vorranno potranno farlo Mattia Barzaghi e Cassandra Wainhouse) ma venire subito alle domande che da giornalista mi vengono spontanee e che credo possano interessare ad un lettore.

I vini etichettati  Zeta Project non esisteranno più?

ilcaggio.jpgLe bottiglie presenti nella cantina del Caggio con l’etichetta Zeta Project che fine hanno fatto e/o che fine faranno?

Al  posto dello Zeta Project ci sarà un nuovo marchio?

I vini che adesso Mattia Barzaghi imbottiglia con il suo nome provengono dalle stesse vigne, cioè da quelle del Caggio, o no?

In caso di risposta negativa, dove andranno a finire le uve con cui si produceva lo Zeta Project?

A questo punto lascio spazio a chi vorrà farci sapere qualcosa in più, mettendo ben in chiaro che a noi interessano solo risposte sul versante enoico. Per questo sarò molto attento agli eventuali commenti e non esiterò a censurarli.

Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 20
Roberto Giuliani
inserito il 23/04/2012

domande lecite che attendono chiarimenti....

Giovanni Mastroianni
inserito il 23/04/2012

Già..ci puoi dare qualche risposta?

Roger Sesto
inserito il 23/04/2012

Doverosi chiarimenti, e possibilmente da tutte le parti in causa, ed esclusivamente di natura viti-enologico-commerciale. Una Cantina dell'Anno (almeno secondo il Gambero), che chiude (che chiude?) dopo pochi mesi dall'assegnazione del Premio, resta davvero caso praticamente unico. Anche perché non si è capito a che titolo Mattia Barzaghi seguiterà a produrre (in proprio?), e che cosa farà - in campo enoico - l'ex consorte Cassandra, che parla in Facebook di un progetto tutto suo (come d'altro canto e per parte sua, lascia intedere lo stesso Mattia con il Re-zet o qualcosa del genere)....

andrea gori
inserito il 23/04/2012

a quanto ho capito Mattia ha conservato i vigneti e praticamente vinificherà da Mormoraia le uve dei vigneti da cui produceva i vini prima al Caggio. I vini hanno cambiato nome ma sostanzialmente ricalcano i "vecchi" zeta, impronta, cassandra etc. http://lescavesdepyrene.blogspot.it/2012/04/barzaghi-ricomincia-da-lui.html

cassandra wainhouse
inserito il 24/04/2012

Carlo. certamente la produzione del 2011 della nostra azienda zeta project è stata " dirottata" , ribadisco ancora come già fatto in altre sede competenti, contro la mia volontà e a la mia insaputa e sono la prima a voler chiarimenti da Mattia Barzaghi e compari con risposte su CHI commercializa e produce e COSA produce con QUALI mezzi in QUALE luogo con QUALE uva ...vini premiatissimi e dopo neanche un mese trafugati dalla cantina del Caggio e rimessi sul mercato ora con una nuova etichetta. Trovandomi con le rovine di un azienda famigliare con tutte le conseguenze drammatiche che questo comporta, a me non resta che ri- creare con passione e ri-partire con un progetto con nuovi compagni di viaggio, questa volta spero onesti e professionali , sul territorio di San Gimignano e non solo.Lascio la parola ai tanti meglio informati di me.

carlo macchi
inserito il 24/04/2012

Ringrazio Cassandra per averci esposto quella che non posso che considerare "la sua versione dei fatti", e attendo, se lo riterrà necessario, "la versione dei fatti" di Mattia Barzaghi.

mattia barzaghi
inserito il 25/04/2012

non intendo alimentare polemiche o annoiarvi con le mie vicende familiari, che hanno ben altre sedi per essere discusse e giudicate! spero invece in questo nostro mondo, di essere giudicato, come lo sono sempre stato, per i vini che hanno portato, portano, e porteranno il mio nome! ribadisco, sono sempre stato orgogliosamente un cantiniere e continuerò ad esserlo! quindi................. vi aspetto in cantina per PARLARE DI VINO E VIGNE

carlo macchi
inserito il 25/04/2012

infatti, caro Matteo, nessuno le ha fatto domande sulla sua situazione familiare ma sul vino che lei produceva (e produce?).Comunque grazie per averci esposto il suo punto di vista.

Mario Crosta
inserito il 25/04/2012

Non conosco ne' l'uno ne' l'altra, eppure ho pianto leggend l'articolo, Carlo. E piango leggendo i loro commenti. Non fiumi, ma gli occhi lucidi, ecco, per intenderci, tra uomini che non temono di essere giudicati per il livello estremo cui giungono commuovendosi. Ma bisogna guardare avanti, forse nonostante il temporale attuale tornera' il sereno per entrambi e del buon vino. E DEL BUON VINO!!!! Lo auguro di cuore, se poi dovranno essere due vini, che sian ottimi ed in competizione fra loro, senza acredine, ma per migliorare sempre. Percio' faccio gli auguri a entrambi di ritrovare serenita' e di trasmetterla ai loro dipendenti e collaboratori, Ho smesso di piangere: la beneamata ha stracciato l'Udinese in trasferta....

Rocco
inserito il 25/04/2012

Abbiamo letto con molto interesse l'articolo del Signor Carlo Macchi che è risultato puntuale e preciso e, senza troppi giri di parole, chiede, giustamente, delle informazioni e dei chiarimenti in merito alle vicende che hanno portato alla "scomparsa" della cantina dell'Azienda Zeta Project e, probabilmente, anche dell'azienda stessa.. Ci sembra anche che Cassandra Wainhouse abbia scritto un commento molto pertinente e altrettanto chiaro (come del resto è già accaduto in altre occasioni) tentando di spiegare fatti e circostanze e, a sua volta, chiedendo chiarimenti e spiegazioni. Non è convincente, invece, ciò che scrive (meglio dire NON SCRIVE) Mattia Barzaghi, "solo" un cantiniere, ma che ha avuto e, sembra di capire, ancora ha una propria cantina ed una propria azienda vitivinicola (in barba agli interessi comuni) con tanto di vigne, cantina, ecc. Il fatto è, come scritto nell'articolo, che non si capisce, signor Barzaghi, che fine ha fatto la cantina di Zeta Project che, a Il Caggio, non c'è più; che fine ha fatto il vino della vendemmia 2011 e quello già imbottigliato. Appare assai singolare che dopo aver raggiunto l'apice (almeno per i giudizi del Gambero Rosso), tutto, cantina e vino, venga a "scomparire". Sembra anche singolare che un'azienda (La Mormoraia) scelga quale propria immagine commerciale quella del suo cantiniere. Singolare il silenzio del Consorzio di tutela che, a quando abbiamo potuto leggere (NON LEGGERE) sembra tacere completamente su una vicenda che, invece, dovrebbe vedere l'organo consortile assumere posizioni ben chiare e ciò proprio per quelli che sono gli scopi statutari. Ringraziamo il Signor Macchi per il bell'articolo tanto sensibile alla tutela della qualità del vino e dell'eticità della condotta imprenditoriale.

carlo macchi
inserito il 25/04/2012

Grande Inter Mario! Forse ce la facciamo. Tocchiamo ferro.

Roberto Giuliani
inserito il 30/04/2012

quoto al 100% il sig. Rocco (Lettieri?), il breve scritto di Mattia Barzaghi non fornisce alcuna risposta chiara a quanto espresso nell'articolo dell'autore. Al momento le uniche cose chiare le abbiamo sentite dalla sig.ra Wainhouse, quindi non avendo potuto sentire l'altra voce legata a Zeta project, diciamo che resta un sincero imbarazzo e la difficoltà di capire se quel vino che circola a nome della Mormoraia ma con un'etichetta che non lascia dubbi sul richiamo al precedente marchio di Zeta Project, sia un vino con un futuro preciso o rappresenti l'ultima testimonianza di quelle vigne che un tempo appartenevano al Caggio.

cassandra wainhouse
inserito il 07/05/2012

Caro Carlo a quasi due settimane dalla publicazione del tuo articolo ..riempite da un rumoroso silenzio e da una assai strana atmosfera di tifoseria machista e goliardica da parte di un clan di "amici" che pretende silenziosi no comment ad un operazione di marketing da parte dell'azienda La Mormoraia s.a.s. su un falso prodotto messo in giro con false intenzioni giocando su falsi intenti. Io qui mi permetto questo sfogo non tanto più contro chi mi ha portato via il mio lavoro e la mia azienda, ma contro un mondo intorno al Vino fatto di poca chiarezza, poca Etica, poco Sostenibile. Sostenitori di un modo di essere furbo,interessato e forse connivente. In questi giorni ho ricevuto ascolto e sostegno, in moltissime occasioni calore,complimenti,ammirazione ...solidarietà per il fatto di essere rimasta .."spogliata" Ma ora si parla di lavoro ,di come si lavora ,di che cosa è fatto il lavoro , di verità nelle cose che si propongano,di rispetto per chi lavora. Mi rendo conto che questo è un problema ben piu grave e serioso, un problema di oggi, del paese Italia, anche del "paese -mondo" ,di meccanismi di omertà e di abitudini al fottere e farsi fottere. Carlo scusami questa volgarità ma davanti ad un sporco lavoro bisogna anche non aver paura di sporcarsi le mani. un saluto Cassandra

mattia barzaghi
inserito il 09/05/2012

il mondo del vino sta dentro la bottiglia e analizza il contenuto.... il mondo del packaging sta fuori la bottiglia!!!!!!! due lavori diversi!! due mondi diversi!!!!!!!!!!!!! diamo a cesare quel che è di cesare

Carmine
inserito il 09/05/2012

Ecco cosa leggiamo sulla pagina FB del sig. Mattia Barzaghi: "divertente vedere il mio cognome su etichette di altri vini!!!!!!!! neanche fossi Antinori o Frescobaldi (con tutto il rispetto per questi storici nomi) MI dovrei inorgoglire sapere che qualcuno scelga invece del proprio nome, di usare BARZAGHI in etichetta (SENZA IL MIO VINO DENTRO LA BOTTIGLIA PERO') ma aime.......torniamo al centro della discussione!!!!!!!! il mondo del vino sta dentro la bottiglia!!!!!!!!!!!! marketing packaging newco new ca ecc contan poco!!!!!!!!!! e se mi fossi chiamato BANTINORI!!!!!!!!!!!!!???????????????????? :-) :-)" Cioè: il sig. Barzaghi ci dice che il vino etichettato Rezet è suo e non de "La Mormoraia"? Ricordiamo da dove viene e dove è andato quel vino? Ricordiamo che la cantina del sig. Barzaghi non esiste più? Ricordiamo che il sig. Barzaghi fa il cantiniere a "La Mormoraia"? Forse che produce vino di... soppiatto? Non sembra strano che "La Mormoraia" lasci scrivere dal cantiniere ciò che riguarda una etichetta e del vino di sua proprietà? Oppure nulla di tutto ciò è vero e la verità è tutta un'altra?

Alessandro
inserito il 09/05/2012

Interessante l'articolo del Signor Macchi che, anche a mio parere, pone interrogativi assai pertinenti. I commenti che apprezzo molto sono quelli del Signor Rocco, del Signor Carmine e della Signora Cassandra. Sembra che il signor Mattia non sappia dir altro che "parliamo di vino". Questo è giusto, ma: in vino veritas...

Fulvio Michele Cotone
inserito il 09/05/2012

mi fa specie notare una proprietà di linguaggio italico con termini facenti parte di un lessico ricercato da parte di una signora "francese" che sul suo profilo Facebook fa errori pacchiani di scrittura.....Forse qualcuno scrive per lei?? Che mondo ipocrita!!

mattia
inserito il 09/05/2012

grande fulvio!! rocco e carmine sempre la stessa persona che non ha neppure il buon gusto di presentarsi!!!

mattiabarzaghi
inserito il 09/05/2012

ripeto chiunque volesse sapere la mia (ovviamente) realtà venga in azienda!! io spero che chi veramente è interessato al vino a ciò che ho fatto e che farò venga o mi contatti in altra sede per avere da me tutte le risposte che vuole dopo di che deciderà e giuduicherà!! non sono il primo e non sarò l'ultimo ad avere una separazione difficile, e per questo spero che tutti possiate capire il perchè del mio non voler accettare le provocazioni pubbliche! il voler tutelarmi il non voler dare spunti a chichessia affinchè chi di dovere possa a suo tempo giudicare il mio operato e della mia ex moglie, dai dati reali dalla documentazione che ognuno di noi produrrà!

mattia
inserito il 09/05/2012

scusate!!!!!!!!! Carmine e Rocco FORSE la stessa persona! in ogni caso se si presentasse non avremmo di questi dubbi!!!!

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...