Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

01/07/2012
"Jalal", biodinamico originale e fresco che sfida i pregiudizi
ingrandisci schermatadel2012-07-0211:57:46.png
Solfiti croce e delizia degli enologi. C'è chi sostiene che non se ne può fare a meno,chi invece sostiene il contrario e c'è chi invece cerca di limitarne l'uso al minimo indispensabile.
Sembrerebbe quindi che lo spartiacque tra vini chiamati naturali e gli altri sia principalmente l'uso dell'anidride solforosa e non come dovrebbe essere la sanità dei terreni e delle uve ed una conduzione agronomica ed enologica più naturale e meno interventista.
Vini convenzionali, vini biologici e vini biodinamici, sono termini che ormai indicano modi diversi di intendere l'agricoltura, coltivare la vite e produrre vino, che limitarne la differenza solamente alla presenza della solforosa, è riduttivo e fuorviante.
I solfiti sono solo uno dei problemi e forse neanche il più importante, come la mettiamo con l'uso dei lieviti selezionati o con le 44 sostanze ammesse anche nel nuovo regolamento comunitario sul vino biologico che entra in vigore il 1 agosto?
Più rigoroso invece il disciplinare Demeter che regola la produzione dei vino biodinamico, applicato da moltissimi coltivatori e produttori di vino in tutta Europa.
Appartiene a questo metodo il Jalal un moscato bianco che l'azienda Cefalicchio, interamente dedita alla coltivazione biodinamica, ormai produce da qualche anno.
Niente note dolci, versione secca, dove alle classiche note varietali, presenti ma discrete, si aggiungono quelle agrumate e di pesca bianca. Buona e piacevole freschezza si accompagnano ad un finale lievemente sapido che ne accentua l'originalità e l'eleganza.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
ingrandisci jalal.jpg 
 
 
 
 
 
 
 
 
Jalal 2011
IGP Puglia
Az. Cefalicchio
Tel. 0883 617601
Varietà: Moscato
Giudizio: Buono




Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...