Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Che Tempo Fa

24/07/2012
Un giugno mezzo afoso e da “velisti”
ingrandisci ventovela.jpg
Di giugno 2012 ricordiamo la canicola afosa ed il caldo, ma non dimentichiamoci che l’inizio del mese è stato abbastanza mite e come sempre dobbiamo prendere in esame l’intero periodo.

Una delle caratteristiche che ne ha fatta da padrone è stato il vento, per la sua insistenza e durata; quasi ogni giorno un fastidio quotidiano in campagna.

In vigneto la fenologia delle piante ha avuto un buon decorso, in linea con le medie stagionali, con il recupero dopo il rallentamento accusato ad aprile dove tutto era stato ridotto con le basse temperature e le piogge.

ingrandisci giugno.jpgMa il vento, sottolineo, è stato il vero fastidio; poi col passare dei giorni e con l’aumentare delle temperature siamo passati dalla primavera all’estate nel giro di ventiquattro ore.

Sono state diverse le anomalie di temperature registrate, in particolare verso l’ultima settimana del mese, dove ha fatto davvero caldo, tanto è vero che si è iniziato ad osservare vigneti in crisi idrica.

Le piante più giovani e quelle sui crinali più esposti, tra il vento che asciugava costantemente la superficie fogliare e il terreno, le temperature abbastanza elevate per il periodo e l’assenza delle precipitazioni, hanno avuto diversi problemi.

Il mese si piazza tra quelli più caldi, al secondo posto dietro solo al giugno 2003, sebbene staccato di oltre 2 gradi, e davanti di un soffio al giugno 2002, ma il caldo ci è apparso ancora più fastidioso poiché i tassi di umidità e l’afa erano alla stelle.
ingrandisci davideferrarese.jpg
Qua e là sono apparsi un po’ di temporali con grandine, ed in vigna c’è stato parecchio da correre e da fare: tra palizzare la vegetazione, trinciare l’erba, lavorare il terreno e fare i trattamenti, c’era da divertirsi!

Per di più quest’anno sono apparse prima del solito i sintomi del mal dell’esca, e nelle aree interessate del nord Italia, anche un po’ di fitoplasmi della flavescenza dorata, che hanno fatto compagnia alla peronospora e all’oidio.. Un mese davvero difficile!


Autore: Davide Ferrarese
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...