Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Wine Fiction

25/07/2012
Come provare a fare il Lavin Lover e vivere felici: l’addio
ingrandisci cupido.jpg
Mi accorgo solo adesso di non aver trattato minimamente uno dei punti fondamentali per un Lavin Lover, quello in cui una storia, breve o lunga (per un Lavin Lover spesso brevissima, da bravo farfallone amoroso enoico) ma sempre e comunque intensa, finisce.

Come detto nel mondo del Lavin Lover questo avviene sovente, lasciando così la malcapitata di turno a fare i conti con i cocci di un rapporto e spesso anche con i cocci lanciati contro l’improvvido e comunque fuggente LL.
Ma un LL che si rispetti non può chiudere in maniera triste e scontata un  rapporto. Deve permettere alla fanciulla di avere un grande ricordo dei momenti incredibili che il Lavin Lover le ha concesso. Per questo, qualsiasi LL che porti questo nome dovrà, assieme al benservito , presentare alla fanciulla una serie di bottiglie (ovviamente sulla carta..siamo mica enoteche ambulanti) che sappiano lenire il dolore della separazione.
Inoltre un LL che si rispetti e sappia interpretare sino in fondo il suo ruolo dovrà assolutamente proporre bottiglie diverse a seconda delle situazioni e del carattere della fanciulla abbandonata.

Questo articolo presenterà quindi alcuni vini consigliati dalla P.A.L.L.I,N.A (Pregiata Associazione Lavin Lover Italiani, Naturalmente Attivi) ed utilizzati dai soci in queste occasioni.

Vorrei far notare come le righe sottostanti rappresentino un tesoro incalcolabile di cui le donne, specie quelle iscritte all’ A.F.F.A.S.C.I.N.A.N.T.E. (Associazione Federata Fanciulle Assolutamente Sgamate Comunque Inesorabilmente Notate Adescate Nei Tasting Enofili) non potranno non ringraziarmi.
In realtà da membro (ops!) emerito dei Lavin Lover sto per divulgare informazioni che una donna normalmente si merita solo dopo aver dato modo al Lavin Lover di mostrare tutta la sua immensa cultura enoica e soprattutto dopo che il suddetto ha ricevuto dalla suddetta dosi non omeopatiche di gnocca.

Ça va sans dire i vini consigliati non sono facilmente reperibili ma nessun Lavin Lover che si rispetti potrebbe consigliare un misero Krug Clos du Mesnil o simili.

Eccovi quindi alcuni consigli suddivisi per tipologia di donna.
 
La facile al pianto
 
Consigliamo una magnum del famoso “Titanic”, un  Lacrimone di Morrone d’Albone DOC usato in passato anche per il varo di mastodontiche navi che, specie verso la fine della bottiglia  riesce sempre a stimolare fortemente la funzione lacrimatoria-consolatoria.
 

La “facile”
ingrandisci love-wine.jpg 
Una bottiglia da 375 cl. di “Amami Alfredo” vino prodotto sulla via di Parigi dal vitigno Traviaton Dorè, uva bianca conosciuta e amata da molti, forse da troppi.
 

La non facile al pianto
 
Per riuscire a farla sfogare l’unica via perseguibile è quella del potentissimo rosso californiano Katrina, da uve Hurricane in purezza. Al primo bicchiere la fanciulla si sentirà come sollevata, si romperanno gli argini e le lacrime scorreranno a fiumi sommergendo il vostro ricordo.
 

La manesca
 
Per prima cosa si sconsiglia, almeno ai Lavin Lover  non masochisti, una bottiglia di “Fuoricampo Rosè” vino piacevolissimo ma imbottigliato in contenitori simili a mazze da baseball. La vostra scelta dovrà invece cadere sul “Nemmeno con un fiore” vino leggerissimo ma costosissimo, posto in vendita solo in Bag in Box di seta o, in inverno, di cachemire.
 

L’erotomane
 
In questo caso una doppia magnum del mitico e quasi introvabile “Straziami ma di baci saziami”, prodotto da uve Durello in durezza e purezza, potrà essere utilizzato anche come valida alternativa al Lavin Lover.
 

La pia
 
Qui l’affare si complica. Per fortuna Santa Madre Chiesa ha creato una linea di vini apposita, prodotta e imbottigliata nel Nuovo Mondo enologico, in particolare nella provincia Argentina di Rosario e vendibile solo in Vaticano con la vincolante indicazione di servirla a calici. Quindi tre calici di Pater, due calici di Ave Mater e quattro di Gloria, ( i tre dei vini top di gamma) sistemeranno la cosa.
 

L’intelligente
 
Non potrete non donarle una bottiglia di Q.I. Questo vino, prodotto attorno ad Harvard, riuscirà a stimolare le già sviluppate funzioni cerebrali della fanciulla, facendole subito capire quanto ha da guadagnare dalla cosiddetta perdita.
ingrandisci amorefinito.jpg 

La raffinata
 
Consiglio almeno una cassa di Sentimentàl Nature della cantina Wanda Osiris. Questo vino spumante, prodotto con l’esclusivo metodo Charmant, sarà l’ideale compagno per gli almeno cinque minuti in cui lei penserà ancora a voi.
 

La campagnola
 
12 casse dello spumante biodinamico giapponese ZapVang de Brut. L’azienda si avvale comunque della consulenza di un famoso enologo francese dato che il vino viene prodotto con il particolare metodo “campi di noci”, in francese champenois, che consiste nel costringere chi vuole berlo a zappare una serie di campi dove, visto il calo della domanda di vino, si pianteranno alberi di noce.
 

La poetessa
 
Il famoso bianco marchigiano “A Silvia” servito mentre la legate alla seggiola, sia per i regolamentari sette anni di studio matto e disperatissimo previsti dal disciplinare, sia per non averla più tra i coglioni, sarà il degno modo per chiudere il rapporto.
 

La manager
 
Un soft drink durante un brunch e prima di un brain storming sarà il momento giusto per salutarla e offrirle una bottiglia di IWine, ovviamente in versione touch screen, che come la tocchi ti aumenta il tasso alcolico nel sangue. Consigliatele di aprirla durante un meeting sul brand.
 

La PR del vino

Qui solo i Lavin Lover di altissimo livello possono riuscire a chiudere bene il rapporto. Pensandoci bene per un LL forse è il caso di rinnegare momentaneamente il suo credo. Non consigliare un vino ma fare un passo indietro modello gambero ed offrirle un espresso. Lei potrebbe comunque continuare a farvi due maroni. In questo caso invitatela a cena ed offritele dei ricci. “AIS!” Griderà pungendosi un dito nel tentativo di aprirli. A quel punto prendete il coraggio a quattro mai e ditele la verità “Lo ammetto, è vero! Nelly è la sola donna della mia vita e tu al massimo, anche avendo un profumo divino, potrai essere solo spectator della mia gioia” Magari sarà tentata di andare da un advocate ma poi rifletterà e alla fine decanterà le vostre doti di Lavin Lover, specie se sarete stato, nel talamo, deciso, potente ma giustamente slow.

Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 3
Nelle Nuvole
inserito il 26/07/2012

Assumo immediatamente le sembianze della Campagnola, ci mettiamo insieme. Poi mangio una cipollona cruda, così mi lasci per motivi di sopravvivenza respiratoria. E mi molli una cassa dello spumante biodinamico Jap. Deal?

Maddalena Mazzeschi
inserito il 26/07/2012

Mi riconosco (modestamente!) in due categorie: "l’intelligente". Non ho infatti dubbi che non avrei bisogno di nessun aiuto per comprendere "quanto ha da guadagnare dalla cosiddetta perdita". "La raffinata". Anche se non credo che arriverei a pensare all'LL addirittura "almeno cinque minuti". Baci

carlo macchi
inserito il 26/07/2012

@nellenuvole: ci vorrà ben più di un cipollotto per farmi fuggire. @Maddalena: che strano, non ti sei riconosciuta nella pia.

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...