Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

27/10/2012
L' Aglianico del Vulture premia solo chi sa attenderlo
ingrandisci vulturevigne.jpg
Uno dei grossi limiti che l'Aglianico incontra nel gradimento di un più vasto pubblico e quindi nella sua diffusione, è la sua esuberanza tannica, che gustativamente si traduce in una eccessiva astringenza.
Diventa un grosso limite per chi invece è abituato a bere vini morbidi, rotondi e senza asperità finali, un po' il contrario dell'Aglianico, al primo impatto abbastanza scontroso.
Questa sua caratteristica, d'altronde comune a molti grandi vini, si pensi al Barolo o al Barbaresco è uno degli elementi che permette al vino di invecchiare, in sua mancanza la maturazione del vino si trasformerebbe in un'agonia, il cui unico risultato sarebbe la sua imbevibilità.
La tecnica di coltivazione, epoca di raccolta, passaggio del vino in legno ed affinamento in bottiglia, gli permetteranno di smussare quegli angoli che per molti costituiscono un handicap.
Vi proponiamo il Guadarrà 2006, che  uscito sul mercato da qualche anno (ma non vi sarà difficile reperirlo) mostra la sua perfetta maturazione donandoci sensazioni di grande piacevolezza.
Un esempio di come diventa l'Aglianico, quando si ha la pazienza di aspettare che il tempo svolga la sua azione.
Olfatto costituito da un intreccio di spezie mentolate e frutti neri a cui si aggiungo note di tabacco e liquirizia.
In bocca il trascorrere del tempo gli ha dato più morbida struttura mentre i suoi fitti tannini stanno lentamente arrotondandosi piacevolmente anche se sono ben lungi dall'essere domati. Vino dal grande potenziale di invecchiamento
 
 
 
ingrandisci guadarra.jpg 
 
Guadarrà 2006
Aglianico del Vulture DOC
Az. Bisceglia
Tel.0972.877033
Uvaggio: Aglianico
Giudizio: Ottimo
Per gentile concessione del Corriere del Mezzogiorno

 
Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...