Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

29/11/2012
Damaschito, Aglianico dalle larghe spalle
ingrandisci stacks_image_164_1.png
Siamo passati da un estremo all'altro ! sino a qualche anno fa se non c'era la barrique, il vino era considerato di serie B.
0ggi si assiste spesso all'esatto contrario e anche un accenno di rovere fa spesso arricciare il naso. Se usato “cum grano salis” invece è uno strumento molto valido per ottenere vini di qualità.
Per l'Agliancio poi l'uso dei contenitori in rovere, siano essi piccoli come le barrique o più grandi, è insostituibile.
Gli effetti del legno sono molteplici: stabilizza il colore, incrementa la complessità olfattiva e poi accelera alcuni processi che portano alla morbidezza.
Uno strumento fondamentale quindi, ma che prevede un accurato lavoro in vigna.
La giusta maturazione delle uve è il punto critico per ottenere un Aglianico capace di “digerire” il legno senza lasciarsi prevaricare. In poche parole occorre che il vino abbia le spalle larghe e forti, un vino mediocre non migliora se messo in barrique, anzi!
Il Damaschito, come si intuisce arriva dalle vigne coltivate a Maschito a 450 metri con una densità di 8000 piante per ettaro, lunga macerazione e poi affinamento in botte grande di rovere di Slavonia per un anno e poi altrettanto in bottiglia.
Olfattivamente complesso, dove un frutto maturo, mostra i segni di una annata calda, con note che ricordano fiori lievemente appassiti, prugna nera e spezie.
ingrandisci damaschito.pngUn naso che, se il termine non risultasse abusato, definirei intrigante. In bocca resta succoso, con una buona vena acida che sorregge tutto l'impianto.Il legno è in fase di “digestione” anche se la prevedo lunga come dimostrano anche i tannini ancora abbastanza arzilli. Il trascorrere del tempo non può che fargli bene.
 
 
 
Damaschito 2009
Aglianico del Vulture
AZ.. Grifalco della Lucania
Tel.: 0972 31002
Uvaggio: Aglianico





Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...