Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINstoranti

23/12/2012
Skené ristoteatro: mangiare e “spettacolare” a Roma
ingrandisci skenè.jpeg
La famiglia di Winesurf continua ad allargarsi. Praticamente sulla slitta di Babbo Natale ecco scendere in campo (non come lui..per fortuna) Maria Cristina Cusumano che, oltre a scrivere per Winesurf per sua fortuna lavora a Radio Rai. Quindi una persona seria, figlia di cuochi e con grande passione per la cucina. Cosa le sarà saltato in testa di unirsi a noi...mah....BENVENUTA MARIA CRISTINA!!!!

 
Nato in un’antica distilleria lo Skenè ristoteatro è un locale nuovo, diverso, dove la buona cucina e la passione per la cultura, il teatro, lo spettacolo e la musica dal vivo, si fondono in un’unica cosa. Un luogo retrò, dove si può mangiare e godersi lo spettacolo avvolti da un’atmosfera intima. Ai fornelli gli chef Laura Galli ed Emanuele Casali, propongono pietanze ispirate alla cucina tradizionale meridionale e usano solo prodotti stagionali. Il locale si trova nel quartiere Ostiense di Roma, al centro della movida cittadina e se ci troviamo da quelle parti, fermarsi e d’obbligo, proprio come ho fatto io.

Ero incuriosita dalla formula cena più spettacolo ed ho trovato la cucina di Laura Galli semplice e raffinata. Il menù varia ogni settimana e propone una scelta tra due primi, un secondo, contorno, dolce e vino. Bisogna mangiare in tempo per godersi lo spettacolo teatrale e proprio per questo motivo il menù è fisso e non alla carta.
Il cameriere, molto gentile, ci ha proposto come primi, minestra di arzilla e broccoli oppure gnocchetti di patate con crema di zucca. Per secondo, arista di maiale in salsa di mele con contorno a scelta tra patate al forno e insalata. Ho preso la minestra, tipica della tradizione culinaria romana.
ingrandisci skenè1.jpeg
Questo piatto ha origini popolari, perché era preparato con ingredienti semplici e a basso costo. L’arzilla è il nome che i romani usano ancora oggi per indicare un tipo di pesce: la razza. Le massaie cucinavano questa pietanza ogni venerdì, come da antiche tradizioni religiose, completandola con i rimasugli di pasta e il broccolo romano, per dare un sapore deciso al piatto.
La minestra era ottima, saporita e l’ho mangiata in un secondo, accompagnandola con un bicchiere di ribolla gialla Fiegl del 2011. Poi, sia io che Alessandro, abbiamo  assaggiato l’arista. La carne era molto tenera e la salsa di mele creava un contrasto piacevole e delicato.

I complimenti alla cuoca sono arrivati anche dal tavolo affianco al nostro, dove c’era una famiglia composta da cinque persone: madre, padre e tre bambini a dir poco vivaci. La signora ha ritrovato il sorriso solo dopo aver assaggiato gli gnocchetti con quella salsa cremosa molto invitante, che avrei assaggiato volentieri anch’io, ma ho evitato solo per mantenere una dignitosa forma fisica.
Poi è arrivato il momento del dolce (il mio preferito) e mi hanno servito un ottimo castagnaccio uvetta e pinoli, una fetta molto sottile, come si serve solitamente in toscana, dove lo chiamano migliaccio. Ho affiancato al dolce un bicchierino di passito Annootto di Perinelli.

Finita la cena, i camerieri hanno sparecchiato i tavoli e ci siamo preparati per assistere allo spettacolo teatrale. Era In scena la commedia ‘Le piccole cose’ di Stefano Benni, interpretata da Daniela Amato, Paolo Camilli e Francesco Falabella. Mi sono divertita molto e soprattutto ho cenato e guardato uno spettacolo teatrale senza dovermi spostare da un luogo all’altro della capitale, ma rimanendo comodamente seduta sulla mia sedia.
ingrandisci mariacristinacusumano.jpg
Lo Skené propone ai clienti varie soluzioni: cena+spettacolo al prezzo di 35.00 euro, oppure spettacolo+drink al prezzo di 15.00 euro.

Il locale si trova in via Francesco Carletti, 5 a Roma.
tel. 06.57555617 339.7784415 sito: www.infoskeneroma.it
 
 
Autore: Maria Cristina Cusumano
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...

16/03/2017

Export vino italiano nel 2016: ottime notizie…o no?

Arrivano i dati dall’Osservatorio del Vino  sull’export italiano del 2016 e subito giù titoli ...