Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

12/01/2013
Gioia e Manduria: primitivi e separati
iprimitivi.gif
Considerati fratelli ma separati in casa, nati dalla stessa madre, ma vissuti in ambienti diversi,
Uno, quello di Manduria, vigoroso, possente nelle sue forme, immediato nella percezione , fruttato che a volte vira verso la confettura, con quella corposità tipica della pianura.
L'altro meno dirompente, più duttile, con un corredo olfattivo a volte anche complesso, sfiorando il floreale, frutto della sua natura collinare. Due facce della stessa medaglia entrambe validissime che hanno caratterizzato in questi ultimi anni il “mondo Primitivo”.
Non si tratta di stabilire nessuna supremazia, non si discute su quale sia il migliore, entrambi piacciono ed accontentano gusti diversi.
La contrapposizione tra Manduria e Gioia del Colle non ha senso, si tratta invece di cogliere le sfumature che rendono grandi entrambi i vini. Eccoci a questo Primitivo Riserva di Plantamura, che tra le etichette é forse quella meno premiata ma non per questo meno valida. Coltivazione biologica ad alberello, 60 q.li. per ettaro, 12 mesi in cisterne di acciaio, 12 mesi in botti di rovere, per ottenere un vino dalle caratteristiche speziate da cui emergono frutti neri maturi.
Piacevolmente avvolgente senza essere ridondante con accenni di sotto spirito e liquirizia molto ben calibrati. Una interpretazione del Primitivo gioiese che si lascia apprezzare per la sua bevibilità, così difficile con vini dal corpo ed dal frutto così deciso.

 
 
ingrandisci plantamura.2.jpgGioia del Colle Primitivo
Riserva 2008
Etichetta Bianca
Az.; Plantamura
Tel.:080 3430044
Uvaggio: Primitivo
Per gentile concessione del Corriere del Mezzogiorno



Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 1
Mario Crosta
inserito il 12/01/2013

Se e' per le differenze, c'e' anche quello di Sava, che e' favoloso ma sporca il bicchiere con un sacco di depositi, altro che lacrime! Il migliore l'ho bevuto al circolo dietro la cattedrale e non credo che sappia che cos'e' il legno...

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...