Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

19/01/2013
Terranera, riuscitissimo blend!
ingrandisci vignetozeuli.jpg
Non sono mai stato uno strenuo  assertore dell'uvaggio in purezza, se non in alcuni casi e per motivi storici  di autenticità territoriale.
I nostri cugini d'oltralpe non hanno  nessun pregiudizio nel sommare vitigni diversi, prova ne sia che i famosi vini bordolesi sono un assemblaggio di più vitigni, perché quel che conta è il risultato finale.
Certo cosa diversa è “contaminare” un vitigno autoctono con uno internazionale, ma anche qui occorre vedere il risultato finale e soprattutto a quale mercato è destinato.
Ci sono però vini che tradizionalmente sono stati sempre il frutto di uvaggi, ad esempio in Puglia il Negroamaro con la Malvasia o il Nero di Troia con il Montepulciano.
Le ragioni ovviamente sono quelle di rendere questi vini più gradevoli, giocando sulla perfetta integrazione dei  due vitigni.
A volte però c'è anche un terzo incomodo, come in questo Terranera del Conte Onofrio Spagnoletti Zeuli, storico viticoltore dell'andriese, dove a far da “intruso” c'è l'Aglianico.
Un blend ben riuscito, piacevole, non banale,  giocato anche  nei toni del rovere con buon  equilibrio, senza fastidiose esuberanze.
Vino che senz'altro definirei”di bocca” ed anche se all'olfatto le note fruttate e balsamiche sono invitati, è al palato che si realizza compiutamente con la moderata morbidezza di un frutto maturo e caldo  adagiato su sensazioni speziate di liquirizia  ed accenni di tabacco. Buona e non eccessiva la struttura ed anche i tannini sfumano in un finale che li mostra presenti e ben articolati.      
ingrandisci terranera1.jpg 
 
Terranera 2008
Castel del Monte Riserva DOC
Az. : Conte Spagnoletti Zeuli
Tel.: 0883 569511
Uvaggio: Nero di Troia-Montepulciano-Aglianico


Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 1
Giovanni Renna
inserito il 20/01/2013

Pasquale hai dimenticato di menzionare il prezzo.

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...