Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

17/02/2013
Quando il Primitivo sembra un Amarone e......viceversa
ingrandisci patruno.jpgLo ammetto il Primitivo a me piace! Quando è fatto bene però, quando è elegante, quando esprime a pieno le sue caratteristiche magari senza la  mediazione del rovere, ma ben venga anche quella quando non invadente. La concentrazione che qui è un fattore naturale, può renderlo simile ad altri celebri vini e la dolcezza del frutto, quando non esasperata, lo fa assomigliare al ben più quotato Amarone.
Questa rassomiglianza in vero la si avverte più facilmente con il Primitivo di Manduria che con quello di Gioia del Colle, dove c'è presenza anche di note floreali caratteristiche  e quindi olfattivamente la differenza è sicuramente più marcata.
Se volete avere il piacere di bere un Primitivo di Gioia in cui le caratteristiche del vitigno vengono espresse molto bene senza alcuna mediazione, fresco ed immediato, capace di sollecitare la vostra curiosità ed il vostro palato, provate questo primitivo che si chiama Marzagaglia.
Nasce dai vigneti a conduzione biologica dell'omonima località in agro di Gioia del Colle, nella piccola cantina  della Tenuta Patruno Perniola, così abilmemte condotta dal sempre giovane Paolo.
Il 2009 ha profumi floreali che si accavallano con quelli derivanti da un fragrante frutto ciliegioso. Emerge poi nettamente  il timbro del “terroir” fatto di note di incenso, pietra focaia e nel finale una liquirizia nera che stempera una insospettata ma accennata tannicità. Un gran bel bere per un vino che non fa legno  mostrando un potenziale veramente sorprendete in quanto a forza ma anche eleganza.
 
Marzaglia 2009
ingrandisci marzagagliasmall.pngPrimitivo IGT Puglia
Az.: Tenuta Patruno Perniola
Tel.: 080 3430856
Uvaggio: Primitivo 
Per gentile concessione del Corriere del Mezzogiorno

Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 1
maurizio
inserito il 11/06/2013

Il miglior primitivo bevuto fino ad ora,bravo Paolo!

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...