Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

03/03/2013
Vigna Flaminio: riserva non riservata
ingrandisci vigneto-castelserranova.jpg
Tutte le aziende aspirano giustamente a produrre un vino che meglio le rappresenti, che le identifichi con uno stile, un territorio, un qualche cosa di unico e che solo loro posseggono.

Spesso la ricerca del vino “più importante” porta alla creazione del vino riserva.
Questa tipologia, tra l’altro prevista non in tutti i disciplinari di produzione, prevede un affinamento quasi sempre in botte di alcuni anni. Il disciplinare ne fissa il periodo minimo, ma il produttore una volta ottemperato a questo requisito  può decidere anche di allungare il periodo di invecchiamento a suo piacimento.
La produzione del vino “ importante” porta spesso ad ottenere vini che per loro impostazione sono destinati non ad un largo consumo, ma, data  anche la loro non eccessiva quantità, ad un pubblico più attento e più esperto ed anche più propenso a spendere di più .
Ci sono tuttavia in Puglia delle notevoli eccezioni, in cui la riserva è invece prodotta in buona quantità e di eccellente qualità ed anche ad un prezzo più che ragionevole.
Sembrano proprio i requisiti tagliati  su misura  al Vigna Flaminio, un Brindisi Riserva 2008  delle Agricole Vallone, che produce tra l’altro il rinomato Graticciaia.
Un vino sorprendente per la sua capacità di essere allo stesso tempo importante e di facile approccio, senza per questo essere scontato e ruffiano.
Prugna nera, tamarindo e pepe nero  le note olfattive piacevoli che lo caratterizzano.
Ma è al palato che mostra tutta la sua straordinaria tenuta con un frutto polposo, quasi succulento ma mai ammiccante, con tannini di buonissima fattura, ben levigati, ma ancora reattivi.
In definitiva un gran bel vino ed anche  un gran bel bere considerato il prezzo.
 
 
Per gentile concessione del Corriere del Mezzogiorno

 
 
Vigna Flaminio
Brindisi DOC Riserva 2008
Az. Agricole Vallone
Tel.: 0832 308041
vignaflaminioriserva.jpgUvaggio. Negroamaro+Montepulciano
Giudizio: Ottimo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...