Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINstoranti

10/03/2013
Magnolia a Cesenatico: difficile non uscire soddisfatti
ingrandisci magnolia.jpg
Parlando di ristorazione se c’è una cosa fastidiosa che proprio non riesco a tollerare  è quella di farsi svuotare le tasche senza riempirsi la pancia.

Fortuna vuole che in Romagna i due fatti non accadano quasi mai contemporaneamente. Pare invece assai diffusa la sovrabbondanza di cibarie sulle tavole romagnole, tavole che si ritiene siano frequentate da persone piuttosto voraci ed insaziabili.  Altrettando consenso parrebbe riscuotere l’idea dell’esistenza di una certa qualità “ristoranti zia” diffusa, a prezzi accettabili. Consenso che raccoglie infinite adesioni nel popolo dei vacanzieri o dei viaggiatori.

Un gradimento stigmatizzabile nella più ricercata delle frasi: “oh ragazzi, ma quanto ho mangiato bene là: dodici antipasti, tre primi, quattro secondi, due dolci, un caffè, tre liquori, un tv, due valige e un set di lenzuola a soli 30 euro”. Uno schema questo, piuttosto uniforme ed uniformato fatto di abbondanza e generosità, che trova nella riviera romagnola la sua massima rappresentazione ma che ogni tanto, abbandonata la monotonia, lascia spazio a qualche solitario lampeggio.

 E’ proprio il caso di prendere alla lettera la parola “solitario” perché, chiusa e trasferitasi altrove (nel cervese) l’esperienza di Vincenzo Camerucci del Lido, resta solo il Magnolia di Alberto Faccani a portare avanti una proposta di ristorazione che rifugga dallo schema rivierasco fatto di menù fotocopia dominati da tris di primi, grigliate e fritti misti.

Alberto Faccani, Jeunes Ristorateur d’Europe, esercita a Cesenastico dal 2003 il difficile mestiere di proporre una cucina di atmosfera, creativa e per certi versi estrosa. In un primo tempo al di là del Canale Leonardesco fra la darsena e la spiaggia, il Magnolia di Alberto Faccani da qualche anno ha trovato una nuova dimora, più in vista, sul centrale Viale Trento e dove d’estate è possibile cenare nel dehors.

La fisionomia attuale del locale è gradevole, con arredi di gusto moderno, piuttosto sobri e curati nei minimi dettagli. Tavole di solido legno senza tovagliame, almeno nel pranzo di mezzogiorno, ma con una perfetta disposizione di luci studiata per incanalare lo sguardo sul piatto.
ingrandisci magnolia1.jpg
Le preparazioni di Alberto Faccani sono ricche di atmosfere rilette, classici rivisti e proposti con interpretazioni personali, fatti di accostamenti precisi e realizzati partendo da materie prime scelte con cura dai mercati locali (quello del pesce è tra i migliori d’Italia) e cucinate senza disdegnare l’impiego di tecniche di cottura d’avanguardia.

Si può scegliere tra due menù (variabili a seconda della stagione) che prendono il nome dal numero di portate: il 5 a 65 euro che passa a 90 con i vini in abbinamento oppure il menù 8 a 85 euro e 120 con i vini. Naturalmente si può scegliere alla carta ma per farsi un’idea della cucina del Magnolia, se siete alla vostra prima visita, la scelta sui menù è quasi d’obbligo.

Nel 5 ho trovato gamberi rossi, carciofi e bottarga; una insolita e raffinata zuppa di latte di cocco e zenzero, ostriche e coriandolo; sostanziosi e saporiti i tortelli di rombo, cime di rapa e alici; un delicato merluzzo, cipollotti, patate e olive cotto con millimetrica precisone e per finire il Montebianco, intramontabile dessert proposto in maniera originale.

Nel caso trovaste i passatelli con asparagi e crema di foie gras in menù, sceglieteli. Bei piatti che soddisfano sia vista che palato, presentati con creatività e senso pratico.

Vale a dire che si possono affrontare senza aver fatto studi in ingegneria delle demolizioni. La carta è più ampia e contiene anche piatti di carne: piccione, agnello, lepre.

Carta dei vini sufficiente con una buona scelta di “bolle”. La Francia qui è ben rappresentata con etichette di grandi maison ma anche di alcuni interessanti RM e i ricarichi non sono eccessivi. Servizio cortese, spigliato e competente. Difficile non uscirne soddisfatti, nemmeno ai saluti e con il conto già saldato.
solaroli.jpg 
Ristorante Magnolia
Viale Trento 31
Cesenatico (FC)
tel.0547-81598
Aperto: la sera,domenica e festivi anche a pranzo
chiuso:Mercoledì
Sito: www.magnoliaristorante.it
e-mail:info@magnoliaristorante.it
Carte di Credito: Tutte


Autore: Giovanni Solaroli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...

16/03/2017

Export vino italiano nel 2016: ottime notizie…o no?

Arrivano i dati dall’Osservatorio del Vino  sull’export italiano del 2016 e subito giù titoli ...