Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

24/03/2013
Drumon Riserva 2009: gli anni non passano invano
ingrandisci alberello1.jpg
Di acqua, anzi di vino, ne è passato sotto i ponti da quando la Puglia evocava vini da taglio, cisterne e ben che andava, vini alcolici e rustici. Oggi le cose sono cambiate ed i vini della Puglia hanno conquistato un loro spazio , seppure non ancora consolidato nel panorama internazionale, un po' meno in quello nazionale.
Basta parlare con gli addetti ai lavori, quelli che si occupano di marketing internazionale per percepire quanto in questi ultimi anni la Puglia del vino abbia guadagnato in termini di immagine e di mercato. Un successo, dovuto al buon rapporto prezzo-qualità innanzitutto, poi alla dinamicità dei produttori, ma soprattutto ad una strategia posta in atto dalle istituzioni regionali che hanno presentato la Puglia del vino in modo collettivo dandole massa e qualità allo stesso tempo.
Forse chiusi nel nostro particolare, non abbiamo la giusta percezione di quanto è avvenuto e sta avvenendo nel mondo del vino e quanto la Puglia sia diventata competitiva. Grande merito va quindi dato a quei produttori che hanno saputo innovare, creando con i loro vini una immagine più moderna, con vini ancorati alla tradizione ma interpretandola in modo più attuale, senza per questo rinunciare alla loro territorialità.
Francesco Cannito è uno di questi. Il Primitivo Drumon riserva 2009, migliora anno dopo anno, un po' le viti raggiungono la maturità ed un po' conta l'esperienza, comunque sia, questo Primitivo, proveniente da uve coltivate biologicamente, è veramente godibile. Senza ostentazione alcolica, al naso gioca tra i toni floreali appena accennati e frutti neri che ne fanno la base. Palato imponente, ma elegante, vellutato e succoso. Il frutto maturo sviluppa toni speziati che ricordano tabacco e liquirizia, mentre la buona spalla acida sorregge il tutto. Finale di buona lunghezza con morbidezza tannica tipica del vitigno.

 
 
 
 
 
 
 
ingrandisci drumon.jpg 
Drumon Riserva 2009
Gioia del Colle Primitivo DOC
Az.: Cannito
Tel. 080 623529
Uvaggio: Primitivo






Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...