Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

06/05/2013
Un'Estrosa di carattere
ingrandisci pict1668.jpg
Il rosato, anche se qualcuno pensa ancora che sia un blend di vino rosso e bianco, cosa tra l'altro vietata dalla legislazione comunitaria, si ottiene in Puglia soprattutto da uve Negroamaro (Salento), da uve Bombino Nero (Castel del Monte)e da uve Montepulciano (Capitanata).
Meno frequente, anzi direi che sono pochissimi, i produttori che si avventurano nella vinificazione in rosato di uve Primitivo. I motivi sono esclusivamente dettati in parte dalla tradizione ed in parte da motivi legati alla diversa qualità delle uve; non che siano qualitativamente inferiori, semplicemente si ritiene il Primitivo poco adatto a questo tipo di vinificazione. Ovviamente molto dipende da territorio a territorio e all'interno di esso da zona a zona.
Quello che oggi vi segnaliamo proviene da Gioia del Colle, dalle vigne dell'azienda Pietraventosa, piccola azienda sinora nota per i suoi vini rossi. La zona di produzione si trova ad una altezza di 380 metri e gode di buone escursioni termiche, il che vuol dire che le uve riescono a conservare un buon corredo aromatico ed una buona acidità, entrambi fattori indispensabili per produrre buoni rosati.
L'Estrosa ha carattere tutto particolare ed in parte conserva alcune caratteristiche dell'uva da cui proviene: il Primitivo. L'approccio olfattivo è dominato da note fruttate che richiamano frutti di una certa maturità tipica del primitivo, mentre al palato mostra una fresca acidità pur mantenendo un corpo assolutamente in linea con il vitigno da cui deriva. Si gioca molto quindi sul contrasto, tra quello che promette al naso e quello che invece si materializza al palato. Una versione atipica, ma proprio per questo curiosa ed affascinante.
Estrosa 2012
estrosa.jpgMurgia IGT Primitivo
Az.: Pietraventosa
Tel.: 335.5730274
Uvaggio: Primitivo


Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...