Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

23/05/2013
Il Fiano diventa anche pugliese
ingrandisci cantelevigneti.jpg
I vini rossi e rosati della nostra regione possono vantare un passato ed in alcuni casi un presente di tutto rispetto.
Quando si pensa alla Puglia o meglio sarebbe dire alle Puglie,tanto è diversificato il suo territorio dalla Capitanata al Salento, la nostra immaginazione corre verso vini rossi.
La tradizione bianchista, se si esclude quella piccola zona della Valle d’Itria, è tutta da inventare. Nonostante però le difficoltà pedoclimatiche oggettive, terreni pianeggianti e pochissima escursione termica, negli ultimi anni molti provano a produrre vini bianchi cercando qualità, un po’ per completezza di gamma ed un po’ perché è una sfida con cui misurarsi.
Non è un caso se nell’ultimo decennio abbiamo assistito ad una vera e proprio escalation che si materializzerà nel prossimo futuro con la nuova denominazione Fiano di Puglia.
Non entrerò nel merito di questa al momento proposta con tanto di comitato promotore, di certo però sta a dimostrare di quanto interesse in questo momento goda il vino bianco da parte dei produttori e chi ci ha creduto da sempre, ha oggi un bagaglio di esperienze decisivo nella corsa verso la produzione di vini bianchi competitivi.
Tra questi la famiglia dei Cantele, cantina a Guagnano, è stata un'antesignana, prima con il rimpianto Augusto e poi con suo figlio Gianni,che con il fratello Paolo e i cugini Umberto e Luisa guidano l’azienda.
Ecco quindi il loro Fiano Alticelli 2012, non proprio un annata facile per i bianchi, ma come si sa è proprio nelle annate meno facili che viene fuori il mestiere e l’esperienza aziendale.
Dorato di buona intensità mostra subito un carattere non comune proponendo un ventaglio olfattivo non profondo ma relativamente complesso che gioca con note floreali, ma anche fruttate, pesca bianca e melone bianco
Ma è al palato che mostra il suo carattere dove le note fruttate, agrumate in particolare, si uniscono al quelle olfattive corredate da una sapidità finale appena accennata.
Struttura non comune ma già desumibile dal colore, freschezza acida ben equilibrata e finale lievemente amarognolo e molto piacevole.

 
 
ingrandisci alticelli_fiano_cantine_cantele.jpgAlticelli Fiano 2012
IGT Salento
Az. Cantele
Tel.: 0911 5815480
Uvaggio: Fiano
Per gentile concessione del Corriere del Mezzogiorno







Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...