Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

09/06/2013
Un'onda di Amastuola
ingrandisci amastuolavigneto.png
L'altopiano carsico tarantino è il naturale proseguimento di quello barese e offre da questo punto di vista una continuità territoriale fatta di rocce affioranti, terreni poveri e poco profondi.

Le murge , baresi, tarantine o salentine che siano, si assomigliano un po' tutte, offrendo in fondo anche le stesse coltivazioni che, pascoli a parte, sono principalmente l'ulivo e la vite
Non sorprende quindi se ad esempio parlando di Primitivo ed in questo caso di quello ottenuto sulle colline che circondano Massafra spingendosi verso Crispiano, esso assomiglia più a quello collinare di Gioia che a quello di pianura di Manduria.
Una sorta di terra di mezzo, che pur appartenendo geograficamente al territorio tarantino , morfologicamente è invece vicina a quello gioiese e come in quest'ultimo ha elevazioni che raggiungono i duecento metri e buone escursioni termiche.
Parlo del primitivo dell'azienda Amastuola, che con i suoi bellissimi vigneti ad onda, coltivati biologicamente, sta da qualche tempo imponendosi tra le realtà più interessanti e dinamiche della regione.
I vigneti sono ancora giovani, ma già ora mostrano un potenziale fuori dall'ordinario ed ii primitivo alle sue prime uscite mostra già quale stoffa aspettarsi per il futuro.
Al naso un attacco floreale a mostrare la sua particolarità, poi frutta lievemente speziata.
La bocca è pervasa da un frutto maturo e dolce sottolineato da note di marasca e prugna nera, mentre il finale di buona persistenza viene invaso la sentori di liquirizia nera e fini accenni tannici.


 
 
amastuola.png 
 
Amastuola Primitivo 2011
Puglia IGP
Az.: Amastuola
Tel.: 099.8805668

Per gentile concessione del Corriere del Mezzogiorno
 
 
 
Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...