Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Che Tempo Fa

16/06/2013
Avete visto maggio? No?? Ma la peronospora sì!
ingrandisci peronospora-della-vite_o1.jpg
Per molte regioni d'Italia questi primi mesi del 2013 verranno ricordati come tra i più umidi degli ultimi anni. Certo l'Italia è lunga e difficilmente le situazioni meteorologiche, persistenti o meno, possono accontentare tutti, ma per il nord e parte del centro è stato una stagione davvero piovosa, mentre per le regioni meridionali il mese è stato in linea con il periodo dei primi caldi di stagione. Per loro maggio è stato con il vento in poppa, mentre al centro nord avremmo dovuto fare richiesta a “chi l’ha visto” per poter ritrovare il mese!

Mese risultato uno dei più piovosi degli ultimi anni (+23% rispetto alla media 1971-2000), addirittura il più piovoso degli ultimi 150/200 anni in alcune aree di Emilia Romagna, alta Toscana e Veneto, con accumuli complessivi fino al 100% superiori rispetto la media. Piogge abbondanti hanno interessato anche l'Italia centrale, in particolare Lazio ed Abruzzo, mentre più a secco sono rimaste Calabria, Sicilia e Sardegna, dove si registrano scarti fino a -75% (Sicilia orientale e bassa Calabria).
Inoltre molte aree della nostra penisola hanno  vissuto lunghi periodi con temperature sotto la media (in particolare tra marzo e inizio aprile e nelle ultime due decadi di Maggio) ed altri eccezionalmente piovosi.

In queste condizioni, il germogliamento della vite e la sua crescita vegetativa non sono stati dei più regolari ed omogenei, soprattutto sono stati in ritardo rispetto alle annate precedenti.
ingrandisci peronospora.jpg
Oltre alla pioggia che ha raggiunto il suo culmine intorno alla metà del mese, bisogna mettere in conto anche le basse temperature per il periodo, tanto è vero che i germogli sono cresciuti molto lenti.

Teniamo conto che in alcune zone del nord e del centro il numero dei giorni di pioggia è stato oltre la metà dei giorni del mese, immaginatevi le difficoltà..
In queste condizioni ambientali, le patologie, in particolare la peronospora, hanno fatto la loro comparsa in un contesto che non si vedeva da anni, ma da molti anni!

Nonostante le basse temperature iniziali ed un germogliamento contenuto, le piogge del periodo hanno accumulato un serie di incubazioni che hanno avuto l’entrata in scena dirompente della peronospora intorno alla prima della metà del mese; sulla foglia ed in modo importante anche sul grappolo. Ma di positivo, quest’anno la vite ha mostrato una bella fertilità produttiva, tirando fuori un buon numero di futuri grappoli (ripeto, futuri grappoli!).
ingrandisci peronospora_su_vite.jpg
In tutto questo c’è anche stata la difficoltà operativa nel poter entrare nel vigneto a fare i trattamenti anticrittogamici, dovuto ai terreni bagnati. Ciò successivamente ha creato compattamento dei suoli e relativa asfissia radicale e in alcuni casi ha mostrato viti ingiallite.

In questa fase in vigna il lavoro è complesso: tra  il fare i trattamenti, la gestione dell’erba tra le viti e la potatura verde (spollonatura, scacchiatura e palizzatura) si dovrebbe poter lavorare ogni giorno in vigna e invece a maggio siamo andati a rilento, molto a rilento.
 


Autore: Davide Ferrarese
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 2
GIOVANNI
inserito il 17/06/2013

Direi un inquadramento della attuale situazione più che chiaro, specchiato!

Lello
inserito il 19/06/2013

Ci terrei molto a sapere in che modo i produttori che seguono il biologico o addirittura il biodinamico operano contro la peronospera. Vorrei anche sapere se senza trattamenti sistemici si riuscirà a salvare il raccolto. Lello

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...