Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

23/06/2013
Primiter, il salentino
ingrandisci primiter1.jpg
Ancora Salento! questa volta non per parlarvi di Negroamaro o rosato, ma di Primitivo.
Se in quello di Manduria, pur nella diversità dei suoli che lo esprimono (da quelli sabbiosi di Maruggio a quelli neri di San Marzano, passando tra quelli rossi di Torricella) domina la potenza del frutto, a volte straripante e grasso e a volte più sfaccettato e meno esuberante, in quello del Salento è tutt'altra storia.
Già perché il Primitivo va coniugato al plurale come nei lati di un prisma che vede oltre a quello di Manduria e di Gioia anche quello Salentino, ovvero tutto quello che si trova fuori dai territori delle due storiche denominazioni.
Il Primiter di Calò proviene dalle terre del brindisino da vecchi alberelli dalla bassa produzione a pochi chilometri dal mare.
Più acciaio che barrique e l'affinamento gioca sulle note vanigliate gradevolmente accennate, ma anche pepe bianco e tracce di cioccolato, mentre centrale resta un frutto elegante mai esuberante, ben calibrato e fine.
Un vino che si lascia bere, con una insospettata freschezza che si contrappone ad un quadro olfattivo invece dolce e giustamente maturo, come conviene ad un Primitivo.
Se vogliamo tracciare una differenza è proprio l'acidità, un residuo zuccherino ridotto all'osso ed un alcolicità contenuta (14,5°) che contraddistingue questo primitivo, ed è proprio questa la sua particolarità e la sua diversità, senza peraltro rinunciare alla specificità del vitignio che resta centrale e riconoscibilissimo.
Siamo alla sua prima uscita ed il futuro è tutto da scrivere anzi da bere.

 
primiter.jpg 
Primiter 2011
Salento IGP
Az.: Michele Calò
Tel.; 0833 596242
Uvaggio: Primitivo
Giudizio: ottimo
Per gentile concesisone del Corriere del Mezzogiorno



Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...