Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINstoranti

07/07/2013
Monte Sant’Angelo, terra di Jalantuumene
ingrandisci gegèmangano.jpg
Gegè Mangano, Luigi per l’anagrafe, è tutto meno che uno chef schivo e introverso.

E’ espansivo, amichevole e si concede senza riserve al cliente. Rifiuta l’etichetta di chef in favore di un più semplice “uno che cucina”: giovane, sulla quarantina ma con già una solida esperienza alle spalle, ha da pochi anni deciso l’avventura in proprio aprendo un suo locale nel paese che lo ha visto nascere.

A Monte Sant’Angelo, grazioso paesino del Gargano e meta di pellegrinaggi, da poco inserito nella lista dei siti patrimonio mondiale dell’Unesco, Gegè propone la sua cucina in un piccolo locale dal nome evocativo, Li Jalantuumene.  

Se le fondamenta  professionali di Gegè sono da ricercarsi negli anni trascorsi con i grandi gruppi dell’Hotellerie, vedi Giga Hotels e Home Lime Company, oggi l’indirizzo culinario strizza l’occhio alla sua terra e a quella inesauribile miniera di prodotti alimentati da una fitta di rete di relazioni con fornitori locali che Gegè coltiva con inesauribile pazienza  e tenacia.

Se cercate una cucina dai sapori sfumati e delicati, costruita su ingredienti ricchi e scenografici, Li Jalantuumene non fa per voi. I piatti che Gegè vi propone sono invece il frutto di sapienze antiche, filtrati e letti con occhio moderno, sensibile a concetti come “recupero”  ed eseguiti con mano sicura. A partire dalla carrellata di antipasti che Gegè recita con enfasi, più che illustrare: panbagnato con stracciatela di Castel del Monte, olio e pepe, medaglione di melanzane con salsa di pomodoro e basilico, panfritto con cicoria di campo e scaglie di caprino.
ingrandisci gegèmangano1.jpg
Passando alle paste si passa da gnocchi con cime di rapa passate nell’impasto, nocciole e bacche di pepe rosa, a ravioli ripieni di caciocavallo di podolica con bottarga di muggine e ad un geniale spiedino di ruote di Cavalieri con formaggio vaccino e pomodoro. Piatti dove il protagonista è il sapore ma l’ingrediente popolare recita comunque un ruolo principale che certo non sfuggirà al cliente attento ai particolari, come il gustoso olio di produzione propria messo in tavola.

Cotture precise e presentazione dei piatti ad alto tasso di appetibilità, con la trascurabile eccezione per il filetto di maialino da latte racchiuso tra medaglioni di melanzane e scaglie di mandorle, che avrebbe richiesto, a mio gusto, 26 secondi e 12 centesimi di cottura supplementare.

Gran finale con pasticceria d’alta classe: panacea di ricotta in salsa di Aleatico, tiramisù di Gegè e le tradizionali ostie di Monte S.Angelo.

Carta dei vini ampia e ponderata, con buona scelte di etichette nazionali e spumantistica con ricarichi più che corretti. Un’ora e 30 di godimento assoluto tra piatti per certi versi educativi e lo spettacolo offerto dal personaggio Gegè, che si avvale in sala dell’aiuto( e del sostegno) della moglie Ninni.

Prezzo del menù proposto: sui  40 euro, poi ci sono anche il menù “verdura”  e “colori” a 25 euro che, per un locale di questo livello, sono da considerarsi modesti. Consiglio: fatevi raccontare come ha fatto a realizzare con Veronelli Editore il suo libro di ricette, mi ringrazierete.
solaroli.jpg 
LI JALANTUUMENE
Piazza de Galganis, 5
71037 Monte Sant'Angelo (FG)
Presso il centro storico, largo "Le Monache"
Tel. 0884-565484
Apertura: chiuso il Martedì, ma non in estate.

Ferie: Gennaio.


Autore: Giovanni Solaroli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 1
Pasquale Porcelli
inserito il 07/07/2013

Non mi risulta che Geggè si conceda senza riserve ali clienti, Un po' di decenza che diamine potrebbero esserci dei bambini :)

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...

16/03/2017

Export vino italiano nel 2016: ottime notizie…o no?

Arrivano i dati dall’Osservatorio del Vino  sull’export italiano del 2016 e subito giù titoli ...