Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Che Tempo Fa

15/09/2013
Agosto a due marce
ingrandisci agosto.jpg
Ebbene sì! Abbiamo iniziato con caldo e siccità e  terminato con qualche temporale e temperature più fresche.

Infatti il mese è stato diviso in due periodi, i primi 10-15 giorni dove molti correvano in vigna per bagnare o  “chiamare” un po’ di pioggia e poi una seconda parte più fresca, dove sono arrivati i primi temporali benevoli per molti vigneti (Veneto e Friuli Venezia giulia, in particolare).

Sì perché comunque è un’annata particolare, dove la partenza ritardata ed umida ha impresso un buon ritardo vegetativo, ma non ha fornito le necessarie riserve idriche per le piante durante il periodo estivo. Per carità, di questo passaggio se ne potrebbe parlare agronomicamente guardando meglio ad una corretta gestione del suolo..
ingrandisci vigna.jpg
La vite in tutto questo ha mantenuto il suo ritardo fenologico, tant’è vero che quest’anno ad agosto non si è sentito parlare di vendemmia anticipate o fatte nel pieno del ferragosto come ultimamente succedeva in Franciacorta e in Sicilia. Vendemmie in agosto sì, ma con un decorso più consono che non si vedeva più nelle ultime stagioni.

Con questa “nuova” situazione, si sono segnalati qua e là qualche marciume sulle uve senza particolare danno, ma purtroppo le bacche si erano abbastanza gonfiate con l’arrivo delle prime piogge.

L’epoca vendemmiale si sono quindi posticipate, o comunque sono tornate regolari. Dai primi dati anticipati non si rilevano elevate concentrazioni alcoliche ma buoni profili aromatici. Attendiamo le conferme con le prime raccolte.
ingrandisci davideferrarese.jpg
D’altronde abbiamo assistito ad una metamorfosi "organolettica" delle uve che hanno reagito al riscaldamento globale: uve ultimamente sempre più dolci. Probabilmente la “causa” di questa metamorfosi è la fioritura anticipata indotta dal clima più caldo e quindi un anticipo fenologico generale. Un effetto che non è stato percepito in quanto graduale, ma che possiamo mettere sicuramente a confronto con le uve di qualche anno fa..

 Intanto buon lavoro a tutti!


Autore: Davide Ferrarese
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...