Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

13/10/2013
La sinceritą del Fatalone
ingrandisci schermatadel2013-10-1313:07:15.png
Ci sono vini, come il Primitivo, che hanno nella loro natura  una dirompente spontaneità, anche quando vengono  imbrigliati in versioni “moderniste” che non ne esaltano certo il lato più autentico, oppure addomesticandoli per palati meno esigenti e più omologati.
E' un peccato che non ci sia ancora una piena consapevolezza della grandezza del Primitivo, di Manduria e di Gioia, che nonostante tutto riesce ad esprimere come nessuno la solarità di un territorio e la forza di un vitigno.
Se oggi a Gioia del Colle  c'è una inversione di tendenza produttiva lo si deve ad aziende storiche, come la Fatalone  di Filippo Petrera e suo figlio Pasquale, che non hanno mai ceduto alle facile lusinghe del mercato.
Il suo esempio è stato  seguito tante altre aziende e si può quindi parlare oggi di una qualità piuttosto diffusa, cosa che pochi territori possono vantare.
Prendete ad esempio questa Riserva 2005, ancora in commercio e se avrete la pazienza di attendere che perda la sua naturale ritrosia e  si apra nel bicchiere avrete una delle più belle soddisfazioni che il Primitivo possa darvi.  Colore rosso rubino intenso con sfumature lievemente granata. I profumi si muovono su toni maturi di ciliegia, more e gelso nero con sottolineature di chiodi di garofano, cannella e di erbe di macchia mediterranea. Al palato è elegante con sensazioni intense ancora  di frutti neri e spezie sostenute da una acidità non comune. Il finale di radice di liquirizia è persistente e si stempera in sensazioni quasi  sapide. Un  bell'esempio di carattere ed aderenza territoriale.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
ingrandisci fatalone.jpg 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Fatalone Riserva 2005
Gioia del Colle DOC Primitivo
Az.: Fatalone
Tel.: 0803448037
Uvaggio: Primitivo
Giudizio: Ottimo
 
Per gentile concessione del Corriere del Mezzogiorno

Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...