Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Che Tempo Fa

13/10/2013
Tempo di vendemmia old style o déjà vu
ingrandisci vendemmia_chianti.jpg
Settembre, tempo di vendemmia… finalmente!

Proprio così, dopo anni di anticipi, di anticipi anticipati, si è tornati ad una vendemmia “old style” o “déjà vu”.

Con una primavera fresca e piovosa, un’estate abbastanza calda i tempi stagionali quest’anno non sono stati stravolti e la vite ha avuto un decorso naturale, ma che molti hanno chiamato ritardo.

Settembre ha avuto un decorso abbastanza normale, proseguendo l’agosto con temperature ancora estive che si sono attenuate con l’arrivo dei primi temporali.
ingrandisci vendemmia2.jpg
Il rallentamento fenologico rispetto alle vendemmie precedenti era evidente in tutte le regioni e su tutti i vitigni, tant’è vero che quest’anno non si è parlato di raccolte anticipate come invece accadeva nelle passate stagioni, vedi Franciacorta, vendemmiati prima del ferragosto e via dicendo..

I vigneti sono arrivati dall’estate generalmente in buone condizioni vegetative, anche se la situazione sanitaria non era ottimale. A seconda delle zone abbiamo avuto vigneti grandinati, oppure zone dove le malattie come oidio o  peronospora hanno avuto parecchia virulenza e la tignola ha presentato voli e generazioni molto insidiose. Questi fattori, singoli o assieme, hanno fatto comparire i primi marciumi. Tutti fattori che hanno influenzato la qualità del grappolo e infatti quest’anno più di altri la differenza la farà la qualità del vigneto ed il lavoro svolto in questa campagna, sappiatelo!

Infatti è evidente come piante molto produttive e gestione del verde non ottimale abbiamo favorito l’insorgere di condizioni favorevoli ai marciumi e ad una maturazione rallentata.

Dai primi campionamenti delle uve è stata evidenziata una disformità tra vigneti  con le stesse uve, in particolare dovute al carico produttivo. Ciò è stato confermato anche dalle prime raccolte.
ingrandisci davideferrarese.jpg
Per di più rispetto a 2011 e 2012 si evidenzia un alcol potenziale inferiore ed un maggior profilo acido, probabilmente a vantaggio della freschezza e dell’aromaticità. Finalmente non invaderemo di alcol i  consumatori!

Tornando all’epoca di vendemmia, sono in corso le classiche statistiche, come da testo di viticoltura ed enologia, con un ritardo medio rispetto a 2011 e 2012 tra una e due settimane.

Sicuramente non eravamo più abituati, e tutto questo ci fa molto preoccupare.. se ne riparlerà quando saranno finite le vendemmie!


Autore: Davide Ferrarese
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...