Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

21/10/2013
Il classico del classici!
ingrandisci schermatadel2013-10-2020:01:25.png
Se uno si ferma a pensarci 50 vendemmie sono proprio tante, una vita! Era appunto il 1954 quando
Piero e Salvatore Leone de Castris, nonno e papà di Piernicola attuale proprietario dell'azienda, imbottigliarono per la prima volta il Salice Salentino.
Il riconoscomento della DOC arriva molti anni dopo, nel 1974, quando il Salice aveva già varcato i confini della regione spingendosi oltre oceano. Tempi difficili in cui tutto quello che arrivava dalla Puglia doveva vincere diffidenza e preconcetti di consumatori abituati a vedere nella Puglia esclusivamente il grande serbatoio di vino sfuso a cui attingere. Non che non ci fosse verità in queste considerazioni e le eccezioni, rare, confermavano questa visione. Proprio perchè eccezioni, i pochi che si avventuravano nella commercializzazione della bottiglia rappresentavano il meglio dell'enologia regionale.

Il Salice Salentino è, tra le tipologie che hanno varcato i confini nazionali, senz'altro la più nota e rappresenta da tempo un riferimento per quanti desiderano leggere nel vino un territorio e la sua storia. In particolare quello dell'azienda Leone de Castris, dal coloree rosso rubino con riflessi che vanno verso il granato. Al naso il vino offre profumi di frutta nera, mora, amarena e spezie dolci che nel corso dell'invecchiamento si aprono a note complesse di fiori appassiti e anche di tabacco e cacao. In bocca risulta equilibrato ed elegante con una vena fruttata che riporta alle percezioni olfattive e una buona acidità che sorregge la degustazione rendendola lunga e persistente, nel finale ricorda la liquirizia.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
ingrandisci salicesalentino01.jpg 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
50° Vendemmia Salice Salentino Riserva
Salice Salentino Doc Riserva 2009
Az. Leone de Castris
Tel.: 0832 731112
Uvaggio:  Negroamaro 90%, +Malvasia Nera
Giudizio: Ottimo
Prezzo: 10-12 Euro
 
Per gentile concessione del Corriere del Mezzogiorno

Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...