Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

16/01/2014
L'eleganza del Capasonato
ingrandisci pichierri-capasonivistadadietro.jpg
Diciamolo subito: non è un vino che si beve tutti i giorni. Non solo perché come si noterà il suo prezzo non è proprio da vino  quotidiano, ma anche perché pur volendo e potendo, risulterebbe difficile data l'esiguità delle bottiglie immesse sul mercato.
Di che si tratta? Di uno dei vini più singolari oggi in circolazione e non solo in regione.
Quale la sua particolarità? Innanzitutto è un vino di due annate (1984-1985) e quindi un vino di quasi trent'anni, (che in Puglia è difficile trovare) che è stato lasciato riposare nei “capasoni”, tradizionali grandi giare in terracotta.
La pratica di lasciare i vini in contenitori di terracotta è antichissima, ma ripresa anni fa  da alcuni produttori italiani, tra cui vale la pena ricordare Gravner, Cos e il pugliese Guttarolo.
Quella di Vittorio Pichierri, anima storica della Vinicola savese, invece non è la riproposizione moderna di una antica pratica di conservazione del vino. I vini di Vittorio Pichierri sono  la tradizione senza alcuna mediazione così i capasoni e il vino che ne deriva non sono una nuova pratica , ma il proseguo di un cammino secolare iniziato prima delle botti di castagno e delle barrique di rovere.
Ma al di là di queste considerazioni  quello che conta è che è un grande vino! Il richiamo olfattivo corre immediatamente verso i grandi vini da meditazione con quelle note tipiche di caramello, frutta secca, dattero e fichi secchi. In bocca mostra un'eleganza ed una freschezza inaspettata, tanta morbida consistenza e una sapidità fuori quota. Impossibile nessun paragone. Unico nella sua complessità, unico tra i Primitivi.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
ingrandisci capasonato.jpg 
 
 
 
 
 
 
 
Capasonato
Vino Rosso
Az Vinicola Savese
Tel. : 099 9726232 - 366 4629074
Uvaggio: Primitivo
Giudizio: Eccellente
Prezzo: 70-80 euro
 
Per gentile concessione del Corriere del Mezzogiorno

Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...