Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




INsud

26/01/2014
Rosato non per tutti!
ingrandisci vigneguttarolo.jpg
Croce e delizia dell'enologo, il rosato è vino tutt'altro che facile da realizzare.
Altrettanto difficile e forse direi impossibile è  che un rosato prolunghi la sua vita in modo accettabile oltre i canonici 12 mesi.
E' naturale che in questa tipologia di vino si cerchi frutto e freschezza, immediatezza e piacevolezza.
E' questo che  cerca il consumatore quando decide di bere rosato: un vino che abbia qualcosa di più o di diverso dal bianco ma che non sia complicato per potenza e complessità come un vino rosso.
Questo è nella norma, ma come sempre ci sono interessanti eccezioni.
Si tratta quasi sempre di piccole produzioni particolari, destinate ad un pubblico più curioso, che ha voglia di uscire dagli schemi.
Non sono molti i produttori che si avventurano su questi insoliti sentieri produttivi.  In Puglia c'è Cristiano Guttarolo, con vigne a Gioia del Colle in contrada Spinomarino a 400 metri. Guttarolo ha tirato  fuori in questi mesi il Violet 2005, 1200 bottiglie in tutto, ottenuto dai racemi (femminelle) grappoli tardivi del Primitivo, vinificato e conservato in serbatoio di inox.
Un vino per niente facile, il naso viene spiazzato da note olfattive inusuali in cui ricercare marcatori classici diventa cosa ardua.
Spoglio del frutto, note di fiori appassiti e poi alghe marine e lievi accenni quasi iodati.
In bocca è secco inizialmente spigoloso con acidità ancora tagliente, nervoso, sapido e di buona lunghezza. Non per tutti!

 
 
Violet 2005
Rosato IGT Puglia
Az.: Cantine Guttarolo
Tel.: 3931916114
Uvaggio: Primitivo

ingrandisci violet.jpeg
Per gentile concessione del Corriere del Mezzogiorno.

 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Autore: Pasquale Porcelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...