Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Wine Fiction

23/03/2014
A Vinitaly tutti al padiglione degli Orgasmic Wines!
ingrandisci viticolturaorgasmica.jpg
Dopo il vino biologico, quello biodinamico, il naturale, il vero,  il libero, la nuovissima tendenza sono gli orgasmic wines, in italiano vini da viticoltura orgasmica.
 
Tutto nasce negli anni sessanta del secolo scorso in California, quando si iniziò a predicare il libero amore. Molti giovani aderirono convinti, ma alcuni trovarono il clima cittadino troppo opprimente e così iniziarono a trasferirsi nelle campagna piene di vigneti della California. Qui si accorsero che  una bella trombata nel vigneto, con tanto di esclamazioni liberatorie,  sembrava apportare gioia e maggior vigoria alle viti. Probabilmente le vibrazioni positive del rapporto, il contatto tra corpo umano e terreno, il potere di fecondazione insito nella trombata, si trasferivano dagli esseri umani al vigneto, che produceva uve migliori con bucce più resistenti, grappoli turgidi, sani e duri.
 
La cosa venne approfondita e si notò che i migliori risultati si avevano se la vite era allevata a cordone, mentre allevando a capovolto le coppie dovevano mostrare maggiore inventiva e disponibilità all’acrobazia per  ottenere buoni risultati.
 
Iniziarono così a studiare approfonditamente il fenomeno  e nacque la viticoltura orgasmica. Il primo a produrre vini orgasmici fu un giovane Hugh Hefner, allora proprietario di un terreno molto argilloso in  Napa Valley, dove piantò del merlot da cui nacque il famoso Clayboy.
ingrandisci orgasmica.jpg 
Ma Il bello della viticoltura orgasmica è che può essere applicata da sola o in affiancamento alle altre forme alternative di viticoltura.
 
Se uno vuole produrre con il metodo orgasmico ma rimanere nel biologico deve semplicemente trattare non con rame e zolfo ma con rame e litio. Rame (Cu) unito al litio (Li) è il punto di partenza ottimale per una buon uso orgasmico del terreno. L’agricoltura biologica diventa così più stimolante ed il rapporto con la terra è più profondo e sentito.
 
In affiancamento alla biodinamica la viticoltura orgasmica agisce compenetrando dinamizzazione e sesso. Le prime volte però non è stato molto facile far accettare il concetto di corno, che in orgasmica è abbastanza diverso dalla biodinamica (in quel senso molto tradizionale), ma col tempo i viticoltori, magari lavorando uno la vigna dell’altro, si sono adeguati e oggi accettano la cosa tranquillamente.
 
Dal punto di vista dei vini naturali o veri l’approccio è stato anche qui all’inizio molto difficile. Infatti la stragrande maggioranza dei viticoltori naturali cercava di presentarsi al mondo facendosi e proponendo una bella serie di seghe mentali e queste in orgasmica non sono permesse. Si è poi visto che lunghe e ripetute trombate nel vigneto hanno reso i produttori molto meno propensi all’impostazione iniziale, facendogli scoprire quanto è assolutamente più naturale e proficuo l’approccio orgasmico.
ingrandisci orgasmica3.jpg 
Recentemente è stato provato anche l’unione tra orgasmica e vino libero, che a prima vista sembrava semplice ma ha avuto bisogno di successivi accomodamenti. Infatti dal punto di vista orgasmico il vino libero era una solenne inculata e questa, pur permessa in orgasmica, doveva essere affiancata da un normale rapporto. Si sono dovute quindi allungare alcune lavorazioni nel vigneto ma col tempo la cosa ha trovato la sua quadra.
 
Pur teoricamente inavvicinabile con la viticoltura tradizionale, recentemente molti produttori hanno cercato di inserire alcuni concetti dell’orgasmica in vigneti dove si usano anche prodotti chimici di sintesi. L’esempio più eclatante è l’utilizzo della cosiddetta confusione sessuale adattandola però al dettato orgasmico. Questo ha portato però molti operai, specialmente  vecchi contadini poco propensi ai cambiamenti, a lamentarsi con il titolare a causa di forti bruciori nella zona anale.
 
Come annunciato nel titolo la viticoltura orgasmica “pura” o affiancata alle altre metodologie, si presenterà per la prima volta al Vinitaly. I produttori e le produttrici vi aspettano a braccia aperte a Verona  dal 6 al 9 aprile nel padiglione 69: non perdete quest’occasione!
 
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 10
Andrea Gabbrielli
inserito il 24/03/2014

Oh yeah....the beats goes on..... Bravò !!!

Francesco Sarri
inserito il 24/03/2014

MI confermi che quelle in foto saranno allo stand ? c'è anche il banco d'assaggio ? ;-)

stefano dotto
inserito il 24/03/2014

BUFALA... e tra l'altro padiglione 69 non esiste!!! pffff

carlo macchi
inserito il 24/03/2014

Non esiste il padiglione 69? Strano..

cecilia
inserito il 24/03/2014

Credo proprio che tu abbia raggiunto livelli quasi irraggiungibili, Macchi. Questo pezzo andrebbe tradotto e sparso per vigne, colline, redazioni, blogparking, camere con e senza vista, aeroporti eccetera. Il Padiglione 69 la Fiera di Verona lo venderà carissimo, ma te sarai STRAFAMOSO!!

Stefano Cinelli Colombini
inserito il 25/03/2014

E il pigiamento dell'uva con moto sussultorio tra i grappoli fragranti? Insieme al rotolamento di coppia nella vinaccia tiepida potrebbero aggiungere degli interessanti tocchi di cantina ad una dinamica altrimenti troppo vignesca.

carlo macchi
inserito il 25/03/2014

Caro Stefano grazie per l'idea. In effetti abbiamo a disposizione rimontaggi, follature, cappelli sommersi, metodi classici, batonnage, osmosi inverse e altri termini che permetteranno alla viticoltura orgasmica di divenire enologia orgasmica.

pier lorenzo tasselli
inserito il 25/03/2014

E' vero : hai raggiunto livelli quasi irraggiungibili... ancora una volta e non sarà l' ultima Pier Lorenzo Tasselli

sergio nesich
inserito il 25/03/2014

......l'eta avanzata, le tombole sula neve , le tipiche malattie senili dai nomi tedeschi , la mancanza atavica di qualche sana trombata nelle vigne Poggibosesi , provoca al nostro Direttore questo tipo di indecenza giornalistica . Carletto , se le vigne Chiantigane ti rifiutano comunicando sciopero totale della fioritura e della allegagione nel caso ti vedessero col tralcio pendente , ti accompagnerò io in qualche vigna carsolina , .....sai che la Mitteleuropa accoglie tutti con bora sferzante e generosità, ma portati la merenda da casa .... sergioslow

Giovanni il quasi Santo
inserito il 25/03/2014

Sto studiano enologia e sono molto interessato alla pratica del rimontaggio, molto meno a quella del batonnage,naturalmente.

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...