Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Che Tempo Fa

10/08/2014
Giugnembre e lugliembre, una stagione davvero complessa
ingrandisci pioggia.jpg
Sull’Italia in generale non abbiamo ancora avuto la vera estate.
A parte qualche singolo e breve episodio, non si sono presentati spunti caldi e soleggiati come dovrebbe essere per il periodo.
Tutti i settori ne hanno risentito, non solo la viticoltura. Del resto quando si parla di undici (11!) perturbazioni nel solo mese di luglio, si può pensare quanto sia stata anomala la stagione, che spesso ha avuto epiloghi gravi con grandine e bombe d’acqua.
 
Con l’inizio dell’estate sono arrivati diversi temporali che si sono protratti per tutto il mese di luglio, con apporti variabili tra le diverse zone che hanno portato quasi il 20% della piovosità media dell’anno in un periodo che dovrebbe essere a pioggia zero. Queste condizioni hanno messo a dura prova le professionalità dei viticoltori.
ingrandisci solesuvigneto.jpg 
E’ fuor di dubbio che questo clima si fa notare, in quanto eravamo  abituati negli ultimi anni a vivere le estati più calde della nostra storia: quella ormai leggendaria del 2003, e quelle del 2009, 2006, 2005, 2010, 2011 e 2012.

Un'estate fresca anche in epoca di riscaldamento globale sicuramente ci deve far pensare al cambiamento climatico in atto, ed alle sollecitazioni ambientali che subiscono le piante in vigneto.
Tempi duri per i i viticoltori e per le viti, anche se per fortuna la buona precocità primaverile permette di stare tranquilli sull’andamento fenologico dell’uva.
 
ingrandisci davideferrarese.jpgDi sicuro dove la variabilità climatica ha accentuato le sue caratteristiche, si sono presentati oidio, peronospora e nell’ultimo periodo anche botrite: diciamo che ce n’è per tutti!
 
Con l’arrivo della prossima vendemmia bisognerà anche calcolare l’aumento del mal dell’esca, patologia che fa collassare le piante di vite nel giro di 48 ore e potrebbe diventare la fillossera di questo millennio.
 
Con una stagione così sarà difficile andare in ferie!
Autore: Davide Ferrarese
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...