Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Editoriale

24/11/2014
E’ il momento del Pegaso d’Oro alla memoria di Giulio Gambelli!
ingrandisci gambelli.jpg
Sono veramente felice che a  Giacomo Tachis sia stato assegnato il  Pegaso d’Oro da parte della Regione Toscana. Grande uomo, personaggio d’altri tempi, schivo, ha fatto tanto per il vino toscano e a lui tutti dobbiamo dire grazie. Se adesso la Toscana è conosciuta e riconosciuta per i suoi  vini una bella fetta del merito va a questo signore.
Detto questo non posso però tacere la rabbia che provo nel constatare che ad un altrettanto grande e sicuramente più schivo personaggio come Giulio Gambelli un onore del genere è sempre stato negato.
Non solo non è mai stato preso in considerazione per  questo riconoscimento in vita o alla memoria (che meriterebbe almeno quanto lo ha meritato Giacomo Tachis)  ma in passato gli è stata negata anche la gioia di ottenere quella laurea ad honorem in enologia che lui non ha mai chiesto ma che sarebbe stata semplicemente dovuta.
ingrandisci fotogiulioemagliano001.jpgQualche anno fa, con Giulio sempre in vita, facemmo più di un tentativo per permettergli di ottenere quel giusto riconoscimento, per farlo salire in cattedra ufficialmente almeno per una volta, lui che aveva insegnato il mestiere a decine e decine di enologi, lui, a cui fino all’ultimo si erano rivolti i più blasonati enologi toscani anche per un semplice consulto. Purtroppo il mondo accademico di Firenze e di Pisa rimase sordo alla richiesta.
Quindi non farò questa volta l’errore di rivolgermi alle stesse persone che allora negarono un riconoscimento che non io, ma centinaia di produttori ritenevano dovuto.
Mi rivolgo quindi direttamente al nostro presidente, Enrico Rossi. A lui chiedo di concedere il Pegaso d’Oro alla memoria di Giulio Gambelli.
Sarebbe un giusto riconoscimento a chi ha fatto, sempre i silenzio, con umiltà ma con infinita bravura,  la storia di più di cinquanta anni dell’enologia toscana.
ingrandisci logo-regione-toscana4.jpgSpero che il Consorzio del Chianti Classico, quello del Brunello di Montalcino, del Vino Nobile di Montepulciano, della Vernaccia di San Gimignano mi affianchino in questa richiesta sacrosanta e usino tutti i loro canali per ottenerla.
Mi rivolgo anche a tutti quelli che hanno conosciuto Giulio, ai produttori, che lo hanno avuto come creatore e “maestro assaggiatore” dei loro vini. Mi rivolgo a chi portava i campioni a Giulio per un consulto quasi sempre amichevole e gratuito, a tutti quelli che hanno assaggiato un suo vino e vi hanno trovato l’anima del sangiovese, del grande vino toscano. Appoggiate questa richiesta scrivendo una mail al Presidente Rossi.  andando a questo link:
http://www.regione.toscana.it/regione/giunta/enrico-rossi-presidente/scrivi-al-presidente
Il Pegaso d’Oro alla memoria di Giulio Gambelli  sarebbe il giusto riconoscimento per chi ha fatto tanto e sempre in silenzio,  per il vino toscano.
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 5
stefano tesi
inserito il 25/11/2014

Non ti pare che il gruppo IGP e Aset - di cui facciamo parte e che già organizzano il premio, da te ideato, "Giulio Gambelli" per il miglior enologo under 35 dell'anno in collaborazione proprio con i tre consorzi che menzioni - potrebbero e dovrebbero farsi portavoce di quest'ottima iniziativa?

carlo macchi
inserito il 25/11/2014

Senza alcun dubbio Stefano! Proprio il Premio Gambelli otrebbe essere il momento giusto per rilanciare con forza l'idea.

Andrea Gabbrielli
inserito il 25/11/2014

Mi sembra una buona idea. Sono d'accordo

umberto valle
inserito il 25/11/2014

Fatto

carlo macchi
inserito il 25/11/2014

Grazie Umberto!

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...