Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINstoranti

06/04/2015
Il Mestolo a Siena: dodici apostoliche carni per i credenti del bollito
ingrandisci bollito.jpg
Prendete un ristorante a Siena  specializzato in pesce e di proprietà di un napoletano, aggiungete il Giovedì Santo, un miscredente come il sottoscritto, e come risultato avrete una meravigliosa e per fortuna non ultima cena a base di bollito, con naturalmente 12 apostoliche tipologie di carni.
 
Qualcuno di voi si domanderà cosa ci incastra un buon bollito nel cuore della Toscana in un ristorante specializzato in pesce. In effetti ci incastrerebbe poco se non fosse per una minuta signora di nome Nicoletta, di professione chef,  all’anagrafe maritata con Gaetano, il napoletano di cui sopra. Nicoletta è di Ferrara e così in stagione, più o meno una volta la settimana, propone una cena di bollito come si deve. 
 
Facciamo chiarezza: il ristorante il Mestolo, di Gaetano e Nicoletta è conosciutissimo sia per la cucina di pesce (che a suo tempo la mamma di Gaetano condivise con Nicoletta), sia per la classica cucina toscana (come fai a non farla a Siena) sia per questo vero e proprio rito laico del bollito, che viene celebrato una volta la settimana nel periodo invernale. 
Il bello è che da anni e da più parti mi erano giunte voci che il loro bollito era veramente spettacolare ma, per un motivo o per l’altro, non ero mai andato a mangiarlo.
Il merito di avermi attirato di Giovedì Santo è stato di quello che, per rimanere in tema, potremmo definire il dodicesimo apostolo laico, la salama da sugo ferrarese.
 
Parlando infatti con Nicoletta durante una bella cena nella bellissima sala di Rocca Salimbeni (diciamo il Sancta Santorum del Monte dei Paschi) viene fuori il fatto che il suo personale produttore di coteghini le ha mandato una bellissima salama ferrarese. L’accordo è concluso nell’arco di un decimo di secondo e così il Giovedì Santo mi sono ritrovato a tavola con i dodici apostoli del bollito ferrarese.
Ve li elenco in ordine sparso: gallina, pollo ripieno, testina, coteghino, muscolo, guancia, coda, lingua, zampa, nervetti, testina e, last but not least,  la salama.
ingrandisci nicolettamestolo.jpg 
Ma il rito prevede anche alcuni comprimari che poi tanto comprimari non sono: quando ti siedi trovi infatti sul tavolo maionese (fatta in casa), salsa verde, sottaceti, verze e cipolle cotte assieme al bolltio,  salsa di rafano e mostarda di frutta, mentre il purè di patate ti arriva caldo assieme ai bolliti. Ma non possiamo scordarci del vero e proprio “apripista” del bollito e cioè il passattello.
 
Ma vediamo come si svolge questo rito per noi seguaci del santo colesterolo. Come detto ti siedi comodamente ad un tavolo ben apparecchiato. Il mestolo è diviso in quattro sale ed in ognuna i tavoli sono ben distanziati , le luci giuste e il servizio inappuntabile. In più c’è anche una carta dei vini di bel livello (Gaetano è molto appassionato) con ricarichi veramente interessanti. Naturalmente il vino per il bollito non poteva che essere un Lambrusco di Sorbara in carta ho visto cose molto interessanti.
 
Ma andiamo avanti: ti arriva il passatello e tu lo pappi in pochi minuti in attesa che si compia la beata speranza ed arrivi il carrello dei bolliti. Questo giunge scortato da Nicoletta che, con mano esperta apre i vari comprati dove riposano le carni nel loro brodo e ti prepara un piatto sontuoso, di cui non ho chiesto il bis solo perché aspettavo la salama. Questa mi è stata aperta e sporzionata proprio davanti agli occhi, anche se il suo profumo si sentiva da metri di distanza. Buonissima, delicatissima, saporita, una salama divina (ops!) degna conclusione di una cena di bollito da santificare (riops!).
 
Alcune informazioni per i curiosi delle cotture: Nicoletta lavora con tre pentoloni diversi, ed aggiunge le carni mai ad acqua fredda ma tiepida. Parte con la lingua ( io la metto sempre come ultimo trancio…animale che non sono altro) che deve cuocere per almeno tre ore, mentre la salama “bibbia” a parte per il doppio del tempo.
 
Insomma, mi sono alzato felice e in pace col mondo pensando che fortunatamente la polizia stradale non controlla il livello di colesterolo….amen!
 
ingrandisci salama.jpg 
 
 
Ristorante il Mestolo
 
Via Fiorentina 81 - Siena
 
Telefono: 0577 51531
 
ilmestolo@libero.it
 
www.ilmestolo.it
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 1
Carlo Merolli
inserito il 07/04/2015

Vedi, basta poco per essere se non felici almeno molto contenti.....

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...

16/03/2017

Export vino italiano nel 2016: ottime notizie…o no?

Arrivano i dati dall’Osservatorio del Vino  sull’export italiano del 2016 e subito giù titoli ...