Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Wine Fiction

19/08/2015
Ma si, festeggiamo la grande annata!
ingrandisci sahara.jpg
Per festeggiare i primi articoli trionfalistici sul MERAVIGLIOSO andamento vendemmiale  del 2015 ( a circa 40-50 giorni dalla raccolta di tutti i rossi e almeno una trentina dai bianchi…) ci sembra giusto riproporre un articolo/intervista relativo alla (naturalmente) GRANDE VENDEMMIA 2012.  Meditate gente, meditate….
 
 

Dal Sahara la conferma: 2012 grande vendemmia!


 
Oramai la vendemmia 2012 è partita e accanto alla raccolta fioccano i soliti pareri estremamente ottimistici dei produttori sul come saranno i loro vini del 2012. Noi di Winesurf, che qualche dubbio su questa vendemmia l’avevamo e l’abbiamo, per tagliare la testa al toro siamo andati ad intervistare la persona forse più adatta, un produttore abituato a vendemmie estreme, a temperature quasi impossibili, a terreni estremamente difficili.
Stiamo parlando  del famosissimo  Annat  A’ Faiv Star, vignaiolo sahariano la cui cantina Te Parev  sforna anno dopo anno grandi vini  in una regione difficile ma estremamente vocata per la viticoltura.
Vini come il suo C’ Hamel  Rosè prodotto con il sistema del salasso assoluto ( si estrae il 100% del mosto e il rimanente si usa per fare il Mir ’ A-Col, rosso importante dell’azienda) o l’inconfondibile bianco Hannaat Peerfet, da uve caaac’tus, sono nei sogni di tutti gli appassionati.
I mille problemi che annualmente deve superare nei suoi vigneti, posti a cavallo (pardon, a cammello) del Tropico del Cancro e quindi nella zona di più difficile coltivazione sono oramai, grazie a internet,  il pane quotidiano di migliaia di appassionati.
Ma veniamo all’intervista.
 
Winesurf
Buongiorno Annat!
 
Annat
Che Allah vi protegga e faccia piovere.
 
W
Proprio di questo volevamo parlare. Come sta andando questa difficile vendemmia 2012?
 
A
2012?? Guardi che noi siamo alla vendemmia del 1433 e devo dire in tutta onestà che sta andando molto meglio di quella del 2012.
 
W
Scusi, non capiamo…
ingrandisci caldodeserto.jpg 


Questo è il difetto di voi europei, volete capire tutto! Comunque, 2012 0 1433 sono di fronte forse alla miglior vendemmia da quando faccio vino.
 
W
Ma non è stata un po’…. siccitosa??
 
A
Ma chi vi ha detto queste stupidaggini! In effetti alcune zone del Sahara  ha fatto abbastanza caldo e le piogge  sono state molto scarse,  ma qui da noi siamo in presenza di un microclima particolare. I venti marini portano nuvole almeno ad ogni morte di Papa  o normalmente ogni 10-15 giorni..
 
W
Venti marini??? Ma voi siete a 1200 chilometri dal mare!
 
A
E meno male, altrimenti ci sarebbe troppo vento e troppe precipitazioni. Ci toccherebbe fare molti trattamenti e poi la falda acquifera  riceverebbe tanti, troppi veleni.
 
W
Falda acquifera….nel Sahara???
 
A
Certo! Qui da noi, grazie appunto alle precipitazioni che Allah ci manda abbiamo una buona fertilità del terreno. Inoltre la grande escursione termica giorno/notte conferisce alle uve caratteristiche uniche.
 
W
Torniamo al nostro argomento: come sta andando la vendemmia?
ingrandisci calore.jpg 


I bianchi per le basi spumanti sono già in cantina! Li abbiamo vendemmiati qualche giorno prima del normale per preservare aromi e soprattutto acidità: un po’ come nella vostra Franciacorta. Le uve però erano sanissime. Purtroppo abbiamo avuto una resa più bassa del normale, tipo 30-35 q.li per duna, ma la qualità è eccezionale. Mai avuta una vendemmia così da quando Maometto andò alla Montagna! Forse sarà anche merito della vendemmia notturna che oramai facciamo da alcuni anni.
 
Per quanto riguarda i bianchi fermi  stiamo per raccogliere il Cameltraminer (vitigno aromatico particolarissimo che sprigiona forti sentori di cammello sudato al galoppo  n.d.r.) mentre per  l’Oasignon è ancora presto. Permettetemi una breve digressione: qualcuno sostiene che questi due vitigni non siano molto adatti al Sahara ma io dico e ripeto che tutto il segreto sta nel microclima che, qui da noi, è sempre particolarmente favorevole! Per esempio i produttori qua attorno hanno avuto vari attacchi di Ohidio (vento caldo a cui non ci si può opporre ma solo inchinare), ma le nostre vigne, grazie  forse alle continue preghiere, non ne sono state toccate.
 
W
Andiamo avanti…e sui rossi che ci dice
 
A
Voglio essere sincero. Sui rossi quest’anno riusciremo a fare grandi cose, forse le migliori da sempre!
 
W
Ma non vede qualche problema per l’alcol eccessivo, lo squilibrio generale, la mancanza di  maturazione fenolica?
 
A
Ma certo che no! Intanto abbiamo avuto diverse brevi pioggerelle anche d’agosto e poi le nostre sono piante vecchie, alcune risalgono addirittura all’Egira. Hanno radici profondissime e sopportano il caldo alla perfezione. Perché non venite da noi a controllare? Sono solo 26 ore a cammello dall’oasi più vicina che si raggiunge con 3 giorni di jeep dal più vicino aeroporto. Vi aspettiamo! Potreste venire per la vendemmia notturna del Camellet Sauvignon.
 
W
Grazie ma..abbiamo molti impegni..la prossima volta magari. Comunque, in conclusione, crede veramente che questa vendemmia sarà di alto livello?
 
A
Ne ho la certezza e la certezza me l’avete data voi italiani! Se nonostante tutto il caldo che avete avuto, la siccità durata mesi , i blocchi di maturazione, l’appassimento dell’uva in pianta,le vendemmie anticipate,  moltissimi produttori hanno già dichiarato che sarà una grande vendemmia, perché non devo crederci anch’io?
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 1
Mario Crosta
inserito il 19/08/2015

Ti ricordi il 1997, "l'annata del secolo" che poi risultò inferiore al 1996 e al 1990? se per fare il vino buono bastasse un'annata torrida per le uve, l'enologo che ci sta a fare?

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...