Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Che Tempo Fa

22/09/2015
Agosto caldo ma "con giudizio"
ingrandisci agosto.jpg
Dopo il luglio più caldo di sempre, anche agosto ha visto prevalere temperature sopra la norma, ma almeno questi scostamenti sono stati abbastanza contenuti.
 
Il caldo estremo, si è avuto anche per tutta la prima decade d'agosto, ma poi il periodo più fresco dal Ferragosto fino a quasi fine mese ha consentito un netto ridimensionamento delle anomalie.
 
L'estate che si sta concludendo, in base ai dati del CNR risulta comunque la terza più calda dal 1800, con un agosto appunto superiori alle medie termiche.  Strano però il dato della piovosità, che in alcune zone sono state al di sopra della norma ed in altre invece è proseguito l’andamento siccitoso di luglio.
ingrandisci davideferrarese.jpg 
Già coi primi del mese sono partite le vendemmie con risultati qualitativi e quantitativi diversi, infatti dove sono arrivate le piogge o dove è stata possibile l’irrigazione, le produzioni sono più abbondanti e in ogni caso gli accumuli zuccherini non mancano.
 
Agosto 2015 risulta comunque lontanissimo dai livelli estremi dell'agosto 2003, in una stagione questa diametralmente opposta al 2014, ma questa è la natura ed il bello del nostro lavoro!
 
Autore: Davide Ferrarese
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 1
Stefano Cinelli Colombini
inserito il 22/09/2015

Mah, è da metà agosto che la sera mi devo mettere il maglione per uscire di casa e questi dati del CNR mi fanno morire dal ridere. O, più esattamente, dal freddo. Certo, a luglio c'è stato qualche giorno molto caldo ma la sera era sempre fresco e le viti non sono mai andate in arresto vegetativo. Come invece normalmente il sangiovese fa per almeno due settimane. Da cosa lo vedo? Semplice, la gente intorno a me sta già vendemmiando e a giudicare dai noccioli la maturazione fenolica è molto avanzata già ora. Questo NON ACCADE nelle annate calde, per ovvi motivi. Se questi geni del CNR facessero un dato medio della temperatura del giorno e non registrassero solo le punte di calore, il risultato sarebbe (come è evidente) che anche questo non è stato un anno caldo. Come non lo sono stati tutti gli altri dopo il 2003.

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...