Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Editoriale

01/12/2015
Qual è il momento giusto per pubblicare una web-guide?
ingrandisci momentogiusto.jpg
Voglio affrontare un tema che più volte mi è capitato di discutere: “Quale è il momento migliore per pubblicare delle degustazioni sul web?” Mi spiego meglio.
 
Bisogna cercare di anticipare sempre e comunque i colleghi, pubblicando articoli quando ancora i vini non sono in commercio e/o sicuramente ancora non pronti (rischiando di prendere, tra l’altro, sonore cantonate)  ma così stimolando la curiosità degli appassionati e soprattutto quella basilare dei broker italiani e esteri?
 
Conviene attendere qualche mese  e uscire “guidisticamente parlando” al momento giusto, cioè a settembre-ottobre?
 
Forse è meglio aspettare ancora qualche mese (diciamo uno-due), e comunque fino a poco prima della nuova annata, tanto i vini anche se sono esauriti in cantina non lo sono in enoteca o a ristorante?
 
Oppure non esiste un momento più adatto di un altro per pubblicare degli assaggi e quindi è giusto uscire in qualsiasi momento dell’anno?
 
ingrandisci ora.jpg 
Sinceramente per me è un bel dilemma, che non si riesce certo a risolvere parlando con i produttori di vino. Questi infatti, nella stragrande maggioranza dei casi, vorrebbero che il loro vino venisse recensito al primo momento utile e naturalmente recensito con voti alti. Insomma, il classico caso di botte piena e moglie (pardon, responsabile del settore commerciale) ubriaca.
 
Questo lo posso anche capire, quello che capisco meno e la quasi assoluta miopia di tantissimi produttori, che gli impedisce di vedere aldilà della propria porta di cantina.
 
Non sapete quanti mi hanno detto “Ma lo vuoi assaggiare adesso che il vino in cantina è finito?” ed era inutile che io facessi notare che non avere vino in cantina a tot mesi dall’uscita in commercio vuol quasi matematicamente dire che quel vino è a ristorante o in enoteca, quindi è il momento ottimale per il consumatore, che è sicuro di trovarlo in vendita.
 
Niente! Molti non riescono a capire che esiste un mondo oltre le vigne e si arriva all’assurdo di quello che sostiene che il suo vino debba essere degustato il più tardi possibile ma poi non te lo manda perché non ne ha più una bottiglia.
 
 
Detto questo però vediamo di tornare nel mondo dei consumatori, perché è proprio a loro che vorrei porre la domanda da un milione di dollari “Quando preferite avere informazioni su un vino? Appena entra in commercio, correndo il rischio di non trovarlo ancora, oppure dopo diversi mesi dall’uscita o in un altro momento ancora?
ingrandisci carlo.jpg 
Mi piacerebbe molto avere qualche risposta, per  capire anche noi come impostare il nostro lavoro. Che, per inciso, se dovessimo assaggiare “tutto e subito” dovrebbe essere veramente rivoluzionato.
 
Certo è che, guardandosi attorno, forse non esiste il vero momento adatto. Due esempi: in USA i principali giornali enoici escono ogni mese con nuovi assaggi, fregandosene bellamente della tempistica “autunnale” che invece impera in Italia. In Francia invece le principali guide escono almeno un mese abbondante prima di quelle italiane.  Passando al web non esiste una regola: per esempio i grandi nomi come Jancis Robinson pubblicano risultati a ruota (con l’unica regola che se vuoi vedere devi pagare l’abbonamento). 
 
Insomma, forse non esiste una regola che possa essere condivisa da tutti, in ogni nazione e quindi…… la regola è che non ci sono regole, dipende a chi ti rivolgi? O no.
 
Parliamone.
 
 
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...