Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINtervista

25/01/2016
Luca Ferraro: il Prosecco non è una bevanda!
ingrandisci ferraro1.jpg
Dopo la richiesta da parti di alcuni grandi produttori per la rimozione del blocco degli impianti di Glera, ipotizzando un futuro dove il "Mondo Prosecco" potrebbe arrivare a produrre un miliardo di bottiglie, abbiamo pensato di sentire cosa ne pensa un piccolo e giovane vignaiolo, Luca Ferraro.
 
 
 
Buongiorno Luca, intanto fatti una bella presentazione
 
Luca Ferraro, vignaiolo alla Bele Casel
 
 
 
Ho detto bella, non bella corta. Comunque che vino produci e in che zona?
 
Produciamo quattro tipologie di Prosecco, tre a rifermentazione in autoclave e una a rifermentazione in bottiglia, l’amato ColFondo.
Tutte le vigne che gestiamo sono in collina all’interno della denominazione Asolo-Montello, una delle due zone storiche del Prosecco.
 
 
 
A proposito di zona, ci potresti spiegare meglio quanto è grande la “zona” dove si produce Prosecco?
 
La realtà del Prosecco è parecchio confusionaria, a volte difficile da spiegare, una zona enorme con un cuore che ha fatto la storia di questo vino. Di fatto ci sono:
3 consorzi di tutela.
2 DOCG (Asolo e Conegliano-Valdobbiadene) circa 8.000 ettari e 83 mln di bottiglie
1 DOC (Padova, Vicenza, Belluno, Treviso, Venezia, Pordenone, Trieste, Udine, Gorizia) circa 21.000 ettari e circa 400 mln di bottiglie.
 
 
ingrandisci glera.jpgScusa, scusa un attimo. Ho capito bene?  83 e 400 milioni di bottiglie!!!! E come vedi questo grande successo del Prosecco?
 
Devi sapere che fino a poco tempo fa il 95% del Prosecco veniva prodotto nella provincia di Treviso. In  cinque o sei anni abbiamo assistito a una vera e propria rivoluzione. DOC tramutate in DOCG, IGT in DOC, cambi di disciplinare, cambi di peso politico, cambi di pesi economici. Aver provato sulla propria pelle lo squallido intento di non voler concedere la menzione “Superiore” alla DOCG Asolo, prezzi di vendita in bottiglia incomprensibilmente bassi e speculazioni che hanno fatto raddoppiare il prezzo del vino sfuso. Ho visto aziende andare in crisi a causa di contratti stipulati con la grande distribuzione prima della vendemmia 2014. Ho visto un consorzio bloccare la rivendicazione di Prosecco doc prima del 10% (sbloccata poi dopo qualche mese) e successivamente del 20% perché la produzione di vino era maggiore della richiesta di mercato.  Ho visto passare da un surplus di stoccaggio di vino sfuso ad una carenza preoccupante di prodotto. Insomma, tutto e il contrario di tutto.

Certamente non è impresa facile traghettare una barca da 500 mln di bottiglie, anzi. Non oso nemmeno immaginare le  pressioni alle quali vengono sottoposti i direttori e i presidenti dei consorzi in questione. Grandi imbottigliatori che premono per comprare vino sfuso al prezzo più basso possibile e che hanno un peso importante nelle scelte consortili, realtà molto diverse in un territorio disomogeneo che lottano per rivendicare i loro diritti e i loro voleri. e domande da porsi secondo me sono altre: quanto durerà il successo del Prosecco? Saremo in grado di alzare il valore di questo spumante e del nostro territorio?
 
 
Credi quindi che questo successo possa avere delle controindicazioni?
 
Credo proprio di si.  Un aumento così repentino della produzione comporta un bel po’ di implicazioni: impianti in zone poco vocate, problemi con la gestione dei trattamenti fitosanitari, poca coesione tra aziende, prezzi delle uve in drastico calo, monocoltura, perdita di uve autoctone ma meno redditizie.
 
 
Di recente alcuni grossi produttori si sono espressi per la rimozione del blocco degli impianti. Cosa ne pensi?
 
Mi risulta che  la proposta sia stata fatta da due big del panorama Prosecco.
Mi chiedo come sia lontanamente concepibile pensare di raddoppiare la produzione solo per seguire il mercato.  Possibile che l’ipotesi di un probabile crollo del prezzo di uve e vino non ci ponga delle domande lecite e sacrosante?  Chi saranno coloro i quali dovranno pagare le negative conseguenze di questo comportamento?
Dal mio punto di vista il voler aumentare l’offerta diventerebbe una droga deleteria per il mercato e abbasserebbe di conseguenza i prezzi di acquisto.
 
 
Cosa proponi invece?
 
Propongo che tutte le scelte di sviluppo siano condivise con la filiera, vignaioli compresi.
Propongo che si prendano delle decisioni che valorizzino il prodotto, ed eviterei di compiere “manovre” che come principale intento  abbiano la svalutazione del prodotto.
 
 
 
ingrandisci prosecco2.jpgNon ti senti il solito italiano che cerca di tagliare le gambe a chi ha successo?
 
Affatto. Il mare è grande e c’è posto per tutti; io faccio il mio, loro facciano il loro ma l’esagerazione prima o poi si paga e ahimè viene ripartita.  Mi sento fiero produttore di un vino che piace e che viene apprezzato da un’infinità di persone. Mi sento fortunato ad avere gli strumenti per provare a far conoscere il territorio dell’Asolo DOCG. Se però non saremo in grado di dare il giusto valore economico al nostro lavoro, sarà purtroppo un successo solo a metà.
 
 
 
Mettiamo che io sia un cinese o uno statunitense  che non si intende di vino (cioè la stragrande maggioranza di quelli che bevono vino) e voglio bere una bottiglia di Prosecco. Mi sai dire un buon motivo per il quale io debba essere contento se il prezzo del Prosecco sale?
 
Vedi, il Prosecco racconta un’annata, un territorio, la mano del vignaiolo. Non lo ritengo una bevanda,  e non voglio lo diventi.  Chi vuole speculare sul prezzo non può pretendere di avere un prodotto qualitativo e rispettoso del territorio da cui proviene ed è meglio si orienti verso bevande alla spina.
 
 
 
A certi livelli anche 10 centesimi (moltiplicati per milioni di bottiglie) possono fare la differenza, ma… mettiamola così. Per arrivare a quasi 500 milioni di bottiglie ci sarà voluto indubbiamente tanta bravura ma anche tanti investimenti: le piccole aziende da sole non ci sarebbero mai arrivate. Non credi che il brand “prosecco” a prezzi bassi  meriti maggiore considerazione e soprattutto debba essere aiutato a rimanere bene in piedi?
 
Carlo, se vuoi che ti dica che le industrie del Prosecco hanno fatto il bene della denominazione posso anche dirtelo.
Il punto è che serve rispetto di entrambe le parti e puntare all’abbassamento del prezzo delle uve non mi sembra sia rispetto reciproco. Perché, proprio come dici tu, 10 centesimi al kg di uva su 4 o 5 ettari possono fare la differenza.
 
 
 
Non credi che i grandi numeri del prosecco DOC  (e in parte DOCG) possano servire da testa di ariete per far entrare anche prosecco più cari e migliori, nonché altre bollicine italiane, nel mercato mondiale e, a lungo andare, fare le scarpe allo champagne?
 
Lo champagne lasciamolo da parte, hanno un prodotto, una storia e un prezzo nettamente diverso. Sai qual è l’aspetto più deprimente? Che nel mondo Prosecco puoi lavorare vigne non trattorabili spendendoci 3 o 4 volte il tempo che ti servirebbe se quelle vigne fossero in pianura, puoi fare il prodotto più buono del mondo, lavorare eticamente per rispettare terreno e uva e lavorare bene con la promozione ma non riuscirai mai ad alzare i prezzi della bottiglia a livelli “decenti”.
Lo sai che a livello globale  5€ a bottiglia sono già troppi e rischi di essere buttato fuori dal mercato?  
 
 
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 1
graziano
inserito il 26/01/2016

la definizione: il mare è grande c'è posto per tutti l'ho già letta-sentita più volte sempre da produttori. Personalmente per ovvi motivi inizierei a riflettere sul fatto che questo mare commerciale inizia a restringersi velocemente, il c'è posto per tutti da adito a speculatori senza scrupoli. Sono un consumatore ma in quanto tale non sono una discarica dove provare e buttare di tutto, per cui devo scegliere il meglio. Ma se il meglio sono 20 produttori bene, se sono 200 non va bene, proprio perché non posso degustarli tutti, E si sta parlando solo di una tipologia.

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...

16/03/2017

Export vino italiano nel 2016: ottime notizie…o no?

Arrivano i dati dall’Osservatorio del Vino  sull’export italiano del 2016 e subito giù titoli ...