Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINviaggio

13/04/2016
Vinitaly cinque anno dopo
ingrandisci vinitaly1.jpg
Dopo cinque anni di assenza sono tornato al Vinitaly per una giornata (facciamo mezza,  dalle 9 alle 14.30) e così voglio fare qualche confronto tra il passato remoto di un lustro fa e il presente.
 
 
Traffico e parcheggio
 
Beh, ammetto che arrivando alle 7.45 e parcheggiando nello spazio riservato alla stampa non posso parlare. Però traffico zero e parcheggio semivuoto davanti alla Fiera nei giorni di Vinitaly sono esperienze che almeno una volta nella vita bisogna provare.
 
 
Accredito e ingresso stampa
 
Non solo mi sono potuto stampare il pass a casa, ma questo pass non ha avuto bisogno di ulteriori vidimazioni e controlli. Sono potuto entrare a dritto senza aspettare un minuto e anche prendere la borsa con la cartella stampa senza fare code. Inoltre il Vinitaly ha mostrato pure il suo volto umano, aprendo  i battenti per i giornalisti una ventina di minuti prima dell’orario.  Roba da non credere, avendo il passato come punto di riferimento.
 
ingrandisci vinitaly2.jpg 
Stands
 
Non mi sembra sia cambiato molto, per fortuna non hanno avuto uno sviluppo esponenziale gli stand a due piani (meno male, altrimenti prossimamente si sarebbe passati a tre…) e in generale mi sembra ci sia una maggiore sobrietà nell’allestimento.  Purtroppo continua la spudoratamente maschilista moda di mandare a spasso clamorose fanciulle-sponsor  fasciate di niente. Sicuramente gli occhi dei maschietti vengono allietati ma se io fossi una donna, prima di bere quel vino o di farlo bere a chi è con me…
 
 
Gente
 
Sarà che il martedì è una giornata più tranquilla, ma non ho visto le folle oceaniche di persone più o meno ubriache, che in passato invece erano una caratteristica. All’opposto ho visto gente veramente interessata al vino partecipare alle varie degustazioni-presentazioni, riempiendo le molte salette dove si tenevano questi seminari.
 
 
Cibo
 
ingrandisci vinitaly3.jpgPanini di plastica erano e panini di plastica sono restati, in più venduti a prezzi da panino imbottito di diamanti. Meno male che molti consorzi si attrezzano “in casa” e propongono cose di livello. Se il panino è di plastica i caffè sono di pece diluita: due casi su due assaggiati e lasciati lì.
 
 
Renzi
 
E' venuto il giorno prima di me e mi hanno detto in molti che non l’hanno preso a pesci in faccia perché mancavano i pesci. Per fortuna cinque anni fa non c’era (ma c’era di peggio) e spero vivamente che fra cinque anni non ci sarà.
 
 
Vini
 
Qui la risposta è facile: non li assaggiavo allora e non li ho assaggiati questa volta. Infatti assaggiare le nuove annate a Vinitaly è un po’ come correre i cento metri con gli scarponi da sci: si potrebbe ottenere molto di più facendo la cosa in un altro modo. Nella migliore delle ipotesi non sono pronti, in più sono imbottigliati da poco e quindi pieni di solforosa, magari sono sbattuti dal viaggio e magari anche non a temperatura adatta. Non invidio certo i buyer e i colleghi che devono sfruttare la fiera per decidere acquisti  o punteggi.
 
In definitiva qualche miglioramento c’è stato ma da qui a pensare di tornare a “Vinitalyzzarmi” la strada è lunga.
 
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 10
monica
inserito il 14/04/2016

Posso dare il mio parere da espositrice. I clienti si lamentavano per il solito traffico, delle solite code per i parcheggi per l'ingresso intasato.. Ancora tanti curiosi perditempo che si improvvisano esperti, mentre sono solo infiltrati alla ricerca di un bicchiere di vino, anche se di quel vino poco o niente sanno e poco si soffermano ad ascoltare e capire. Importante è andare subito dopo in un altro stand a chiedere un'altro bicchiere di vino. Il solito Vinitaly sempre più costoso da gestire... :-(

Carlo Macchi
inserito il 14/04/2016

SIcuramente il mio è stato un osservatorio breve e privilegiato. Purtroppo arrivano i sacrosanti commenti, come questo di Monica, che ci riportano con i piedi per terra al solito Vinitaly. Del resto proprio stamani a Isole e olena mi dicevano che ieri alle 14 hanno aperto i cancelli e si è riversata nella fiera una fiumana di gente buona solo per fregarti le bottiglie sotto gli occhi.

Guglielmo
inserito il 14/04/2016

Noi siamo arrivati un po' meno presto di Carlo e il traffico l'abbiamo trovato tutto, eccome (anche e forse più all'uscita), e i parcheggi per i comuni mortali restano carissimi (se 25 euro per un'auto vi sembrano pochi). E' vero, ho visto meno ubriachi e forse anche meno topi di bottiglie. Lo stand della Puglia era per la verità davvero esemplare: aria e tranquillità non sono mancate (bravi) . In altri padiglioni c'era da svenire per la ristrettezza degli spazi e l'affollamento. Panini: indegni senza se e senza ma. Il mio l'ho gettato (alla faccia delle campagne anti-spreco) al secondo morso. Molto belle alcune degustazioni organizzate: splendida quella del Clos St.Ruban di domenica, molto bella e interessante quella dedicata ai giovani vignerons alsaziani (a quando quella dedicata ai giovani vignerons delle nostre regioni)? Ineccepibili le indicazioni per ritrovare stand ed espositori. Metereologia magnifica.

Guglielmo
inserito il 14/04/2016

Pardon: Saint Urban

Carlo Martesi
inserito il 14/04/2016

in effetti tempo meteorologico perfetto, molto meglio dello scorso anno. Per il resto solo qualche piccolo miglioramento ma bisogna riconoscere che non è assolutamente semplice gestire un evento così seguito. A mio parere più che con l'Ente Fiera bisogna prendersela con l'amministrazione comunale, la vera responsabile delle strade e dei collegamenti esterni ... sempre assai problematici

Mara Lona
inserito il 15/04/2016

Come espositori, anche i miei Cembrani DOC sono rimasti soddisfatti dalla qualità dei contatti. I "topi di bottiglie" del mercoledì erano in agguato, ma una volta chiuso lo stand è arrivato subito il personale dell'ente fiera a portare via le bottiglie aperte. Il traffico è ancora un incubo!!! Per lasciare il multipiano alla sera e Verona, due ore!!! scene da far west!! ma anche questo è Vinitaly! Vi aspettiamo in cantina e in Val di Cembra (Trenitno) per rigenerarvi e lasciare alle spalle lo stess veronese fieristico e non solo ;)

Giovanni
inserito il 16/04/2016

Sarebbe ora che la città investisse di più, ma non per ampliare i padiglioni,bensì il sistema di trasporti pubblici. Possibile che in tanti anni un sistema di navette su rotaie non si potesse realizzare? Forse è davvero ora di cambiare sede. Vediamo se un altro competitor gli dà la sveglia.

PAOLO ALCIATI
inserito il 18/04/2016

Carlo, purtroppo (o per tua fortuna) sei stato un po' troppo poco, altrimenti avresti "cristonato" come me e come tutti per la solita vergognosa mancanza di un collegamento telefonico o di internet che, nell'era del digitale, è prezioso quanto una goccia d'acqua nel Sahara... Mi sembra impossibile che non si possa porre rimedio. se ho bisogno di vedere un filmato o anche solo una mail devo attendere le 18,30/19 (fermo in auto nel parcheggio, perché si deve comunque attendere una buona oretta che la coda defluisca...)

Carlo Martesi
inserito il 18/04/2016

ribadisco quanto detto e cioè che grosse responsabilità, per le strade ed i collegamenti, sono di chi amministra il Comune. Tra l'altro diversi amici veronesi mi sottolineano che la loro città sia malamente governata da almeno ventanni e che anche il prestigioso Ente Lirico che gestisce le famose opere in Arena, sia miseramente fallito. Anzi l'Ente Fiera del Vinitaly, in queste condizioni ambientali si difende anche bene ...

Paolo Alciati
inserito il 18/04/2016

Io non so di chi sia la colpa, ma se un'organizzazione spende migliaia di euro per portare buyers da ogni parte del mondo deve perlomeno attivarsi perché questi, e chiunque altro, debba essere messo in condizione di contattarlo, il mondo, in quei giorni. Io ho "bucato" un paio di incontri a causa di sms non inviati e telefonate che non potevano essere effettuate per mancanza di copertura...e avendo molte volte programmato incontri ogni mezz'ora, se purtroppo ne salti uno non riesci a recuperare il giorno successivo...

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...