Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINviaggio

25/04/2016
Il Teroldego (Rotaliano e non) come non te lo aspetti
ingrandisci concorso.jpg
Uno pensa di conoscere il Teroldego perché lo ha bevuto sin da ragazzino, perché lo assaggia oramai ogni anno, conosce diversi produttori, ha girato per i vigneti della Piana Rotaliana in lungo e in largo e invece, grazie ad un concorso molto interessante dove si è degustato, assaggiato e si è parlato Teroldego in maniera diversa e tecnicamente ineccepibile, ti ritrovi a dover rivedere alcune posizioni, con una quasi “rivoluzione copernicana” della tua vecchia idea di questo vino/vitigno.
 
Ma veniamo ai fatti: stiamo parlando del primo concorso sul Teroldego organizzato dalla Fondazione Edmund Mach a San Michele All’Adige il 21 aprile scorso.
 
In campo praticamente tutti i Teroldego prodotti in Trentino, sia DOC che IGT e a degustare allievi della scuola in coppia con giornalisti, enologi, esperti del settore. Una selezione al mattino e la finale al pomeriggio hanno decretato  vincitori quattro vini in altrettante categorie: Teroldego IGT annate 2014-2015, IGT annate precedenti, Teroldego Rotaliano DOC 2014-2015, DOC annate precedenti.
 
Al termine dell’articolo troverete i quattro vini vincitori ma in queste righe, vorrei soprattutto provare a fare il punto sul Teroldego, vitigno che amo da sempre e che, come accennato, mi si è palesato sotto forme che fino ad ora non avevo mai preso in considerazione.
 
Intanto due notizie su questo vino-vitigno: il Teroldego Rotaliano, che si può produrre solo nella Piana Rotaliana e attualmente è una DOC con poco più di 400 ettari vitati. La resa per ettaro è forse la più alta per dei rossi DOC in Italia e si attesta a 170 q.li per ettaro. Nonostante questo, anche con rese così abnormi, il Teroldego ha sempre una colorazione moto intensa, anche se il corpo e la struttura hanno bisogno di una diminuzione della resa per raggiungere livelli importanti.
 
La forma di allevamento è la pergola trentina ed essendo il Teroldego un vitigno vigoroso, abbassare le rese con questa forma di coltivazione molto estesa non è certo facile. Inoltre c’è il problema dell’acidità, evidenziato durante una schietta discussione durante una degustazione di vecchie annate a latere del concorso.  
 
Con i responsabili di quattro aziende che avevano messo in degustazione vini fino al 1995, ho scoperto che l’acidità del Teroldego pur se molto alta alla vendemmia (si parla di 9-10 gr/l, in diversi casi anche superiore) ha sempre al suo interno livelli di acido malico altissimi (sopra a 3 normalmente) che alla fine, dopo la fermentazione malolattica, portano il vino ad un acidità quasi mai superiore a 5, spesso anche più bassa.
 
ingrandisci concorso2.jpgAllora,  170 q.li per ettaro, allevamento con pergola trentina che sicuramente non è la forma ideale per far entrare il sole tra le foglie, acidità molto alta con malico altissimo in vendemmia, vuol dire una cosa sola: con rese alte il Teroldego raggiunge forse una buona maturazione alcolica ma non fenolica... in pratica le uve non vengono raccolte a completa maturazione.
 
Però diminuire la resa o almeno equilibrare la pianta attorno ad una resa più bassa non è facilissimo e, anche se diversi produttori ci stanno provando con successo, la strada da percorrere è ancora lunga.
 
I “grossi, grassi e legnosi” Teroldego Rotaliano che negli ultimi 10-15 anni  hanno reso famoso il vino tra gli addetti ai lavori sono frutto, oltreché di un lavoro di bassa resa in vigna, probabilmente anche di notevoli sforzi in cantina. I risultati sono stati spesso però dei vini muscolari, che oramai sembrano aver fatto il loro tempo.
 
Certo è che se si abbassano troppo le rese (arrivando attorno ai 70-80 q.li) il rischio, magari con le estati calde degli ultimi 15-20 anni, è di portare in casa delle marmellate che difficilmente potranno ammorbidirsi, anche col tempo e tanto legno nuovo.
 
Insomma, come è stato detto durante le molte ed interessanti discussioni, il Teroldego è un vitigno difficile da governare, che non ti permette assolutamente errori e se ne fai non riesci a rimediare.
 
Una strada potrebbe essere quella seguita da alcuni produttori, che stanno usando come sistema di allevamento il guyot. Qui le rese sono sicuramente molto più basse di partenza e la maturazione alcolica/fenolica può essere gestita meglio. Però la stragrande maggioranza del Teroldego è prodotto da coltivatori diretti che conferiscono alle grandi cantine sociali trentine e non è certo facile convincere agricoltori che si basano soprattutto sulla quantità a cambiare forma di allevamento e, nel cambio, rimetterci come minimo 40-50 quintali ad ettaro.
Quindi la pergola rimarrà ancora per molto tempo a segnare il panorama della Piana Rotaliana, nonostante alcuni piccoli produttori famosi, convertiti con successo al guyot.
 
Insomma, pensavo di andare ad assaggiare un vino con un suo carattere definito da tempo e mi sono ritrovato invece a degustare vini che, specie le versioni muscolari e quelle, all’opposto, molto semplici, dovranno cambiare pelle ed adattarsi ad un mercato che chiede vini rossi profumati ma non certo estremamente tannici e marcati dal legno, oppure troppo leggeri e filanti.
 
ingrandisci teroldego.jpgPersonalmente credo che, con una diminuzione generalizzata delle rese attorno al 20-30%, una maturazione parte in legno grande e parte in cemento, puntare ad un rosso fresco e piacevole, equilibrato e di buona longevità, possa essere una strada da seguire.
 
Anche i risultati del concorso, che ha visto primeggiare vini non certo monolitici e “cicciuti” vanno in questo senso.
 
Chiudo con un personale ringraziamento alla Fondazione Edmund Mach e in particolare al professor Salvatore Maule per avere organizzato questo evento, che dovrà divenire il fulcro annuale di un sano e fattivo scambio di opinioni sulla stato dell’arte del Teroldego.
 
 
Eccovi i vini vincitori del Concorso
 
Categoria Teroldego IGT 2015-2014: Teroldego Vigneti delle Dolomiti IGT  2014 Cantina Sociale di Trento.
 
Categoria Teroldego Rotaliano DOC 2015-2014: Teroldego Rotaliano DOC 2014 Gaierhof.
 
Categoria Teroldego IGT annate precedenti: Teroldego IGT Gran Masetto 2011, Endrizzi.
 
Categoria Teroldego Rotaliano DOC annate precedenti: Teroldego Rotaliano DOC Riserva Castel Firmian 2012, Mezzacorona
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...