Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINviaggio

11/07/2016
Lą, ove osano i Verdicchio!
ingrandisci aquila.jpg
Sir Winston Churchill, quasi al termine della sua lunga e movimentata vita, venne intervistato da una giovane giornalista che gli chiese anche il segreto della sua longevità.  Immediata la risposta dello statista “Lo sport! Non l’ho mai praticato!”
 
Parafrasando mi piacerebbe tantissimo domandare prima a Carlo Pigini e poi ad Agostino Pisani (il passato ed il presente del Verdicchio di Colonnara) il segreto della longevità del Cuprese e sentirmi rispondere all’unisono “L’invecchiamento in legno, non l’abbiamo mai fatto!”
 
Ma in realtà sarebbe riduttivo e sbagliato attribuire il merito delle oramai mitiche possibilità di invecchiamento di questo Verdicchio, nato nel 1985, all’aver rinnegato sin da subito le false chimere della maturazione in legno.
 
La verità è figlia di molti fattori. Prima di tutto un vitigno (il verdicchio) molto adatto all’invecchiamento, in seconda battuta il territorio di Cupramontana, certamente uno dei migliori della denominazione specie se si parla di serbevolezza nel tempo.  Poi il quasi non voler cedere alle chimere del mercato, mettendo in commercio un prodotto quasi sempre molto chiuso e riottoso all’inizio per poi aprirsi e stabilizzarsi ad altissimi livelli nel corso degli anni.
 
Voglio anche metterci la grande maestria di Carlo Pigini, enologo che ha fatto (assieme a qualche altro Carlo, come Garofoli) una bella fetta della storia recente e meno recente del Verdicchio dei Castelli di Jesi.
 
ingrandisci cuprese.jpgPer questo quando c’è la possibilità di degustare vecchie annate di Cuprese non mi tiro mai indietro e anzi cerco di creare l’occasione. In più riprese credo quindi di aver degustato tutte le vendemmie di questo vino ed averlo avvicinato più volte a nomi importantissimi dell’enologia mondiale, partendo dalla finezza degli  Chabils per arrivare alla metallica freschezza dei Sancerre.
Gli ultimi assaggi di vecchi Cuprese li abbiamo fatti nemmeno un mese fa, degustando 2003, 2002, 1999 e 1991.
 
 
Cuprese 2003
Annata stracalda, ma la magnum di Cuprese non si sposta di un millimetro da un naso con note minerali accanto e fini sensazioni di frutta bianca e da un palato che ha in una corposa sapidità il suo leit motiv. Un vino che dimostra come il Verdicchio, specie in zone alte (diamo sopra ai 300 metri) riesca a dare risultati eccezionali anche in vendemmie sahariane.
 
 
Cuprese 2002
Ambrato molto brillante  assolutamente vivo, naso ampio e profondo con nota di pan brioche, miele e burro. All’opposto del 2003 la 2002 è stata un’ annata piovosa  ma il vino e solo “diversamente molto vivo”. Si notano anche lievi sentori di  muffa nobile accanto ad un’ acidità lineare e pulita. Forse e per fortuna manca un po’ della carnosa rotondità del 2003, in compenso la sua austera finezza è di grande livello
 
ingrandisci cuprese1991.jpg 
Cuprese 1999
Ancora non c’era l’euro, i telefoni ni servivano per telefonare, ma il colore del 1999 è più giovane di un Nokia di quell’anno.  Sembra ci sia del legno (come nel 2002), ma non c’è. Acidità complessa  che vira sul sapido, profondo e vivo con nota leggermente agrumata. In bocca sembra Verdikkio, tanto è teutonica la sua vivissima freschezza.
 
 
Cuprese 1991
Annata freschissima, una “tragedia” dopo la grande 1990. Comunque il colore è perfetto e il naso ha prorompenti note balsamiche e sentori che vanno dalla coccoina al pan brioche abbastanza tostato. Molto profondo al palato con un’acidità quasi assoluta, lunghezza  infinita e grande bevibilità.
 
Della batteria facevano parte anche il Cuprese 2015, di cui parleremo nella degustazione dei vini dell’ultima annata e il 2013, ancora un bambino dal punto di vista dell’invecchiamento.
 
Insomma, là dove osano i verdicchio (Colonnara, ma non solo) difficilmente altri vini bianchi possono arrivare. Meditate, gente, meditate ma soprattutto provate le grandi potenzialità di invecchiamento dei Verdicchio dei Castelli di Jesi.
 
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Commenti presenti: 1
Guglielmo
inserito il 11/07/2016

Anche io sono rimasto stupito dell'integrità di questi vini, dopo due e oltre quattro lustri dalla vendemmia. Solo il Fiano irpino (penso a certe annate storiche di Vadiaperti, a Montefredane, e ad assaggi recenti di Pietracupa) può resistere così a lungo ( e così bene) al tempo. Se fosse possibile, bisognerebbe fare assaggiare questi vini a quanti ancora pensano (ce ne sono, ce ne sono) che i bianchi italiani non siano capaci di invecchiare.

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...