Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINviaggio

14/08/2016
Santorini o SantorVini? Viaggio in un’isola dai vini incredibili!
ingrandisci santorini6.jpg
Ci sono molte e ottime ragioni per visitare Santorini, il vino non è certo l'ultima e chi legge queste righe non avrà modo di annoiarsi sulla più meridionale delle isole del Mar Egeo.
 
Innanzitutto è difficile trovare un terreno più vulcanico di questo, dato che le eruzioni si sono succedute per millenni, sconvolgendo l'isola e cambiandone di volta in volta la fisonomia.
 
Un po' di calcare affiora solo intorno al monte Profitis Ilias, come mi hanno spiegato all'azienda Argyros che non sta troppo lontano: un residuo precedente alle eruzioni.
 
Santorini è di fatto un deserto, un deserto spettacolare. Nei vigneti si cammina su un leggero pietrisco lavico alternato a sabbia, rischiando di inciampare nelle viti allevate rasoterra in forma di anello, chiamato kouloura (il "canestro").
 
 È il vento implacabile che obbliga a questa forma d'allevamento estrema, e alla fatica che ne consegue. La poca umidità arriva tutta dall'aria marina e si condensa a terra, più che altro nottetempo.
 
ingrandisci santorini4.jpgLe rese sono basse per forza maggiore, anzi per molti vigneti il concetto stesso di resa perde senso dal momento che non esiste nemmeno un vero e proprio sesto d'impianto. Molto orientativamente, siamo intorno ai 40 quintali.
 
Nei vigneti tradizionali, che sono la grande maggioranza, risulta addirittura difficile calcolare quante viti stiano su un ettaro.
Si possono notare ricorrenti segni bianchi lasciati dai viticoltori sulle pietre: mi hanno spiegato che servono a indicare a chi lavora il percorso fatto o da fare, in mancanza di un qualsivoglia filare.
Altro punto d'interesse, e non da meno: i vitigni sono una manciata di autoctoni. E autoctono + suolo povero + isolamento = piede franco dappertutto.   
 
Visitando Santorini poco dopo la scorsa Pasqua mi sono lasciato stregare dal fascino di tutto questo insieme, con un ulteriore conforto: chi mi ha accolto nelle aziende era gentile, sapeva quello che diceva e lo diceva in un inglese comprensibile.
Aspetti meno entusiasmanti non sono mancati, come l'immediata scoperta che i vini isolani costano quanto i nostri nonostante la crisi nera che tutta la Grecia lamenta.
 
Ma se la convenienza non esiste, la qualità abbonda. Si viene qua per l'Assyrtiko, eccellente varietà bianca che tende di brutto al minerale anche se la banale correlazione con il suolo non è così scontata. Intanto perché altre uve bianche locali fra cui la popolare Aidani o l'Athiri danno vini sul classico fruttato-floreale; e poi, a controprova, perché i pochi vini da Assyrtiko prodotti altrove che ho assaggiato erano indubbiamente buoni ma minerali mica tanto.
 
ingrandisci bosticco.jpgQui a Santorini si trova spesso anche il ricordo di agrumi, in un corpo pieno eppure teso da buona freschezza sapida, mentre la persistenza non delude mai. L'alcol è sostenuto ma non troppo: si vendemmia in agosto e piuttosto all'inizio che alla fine.
 
Immancabilmente viene giocata qua e là la carta del legno: molte aziende gli dedicano un'etichetta particolare, mentre la prassi più comune sta in una fermentazione in acciaio seguita magari da qualche mese in botti di cui non si sente il bisogno di comunicare i dettagli.
 
Neanche la variante "Nykteri", ovvero "il vino della notte", pur prevista dal disciplinare, è così univoca nelle interpretazioni. La specialità era legata tradizionalmente alla vinificazione notturna, da intendere come immediata dopo la raccolta diurna, giorno dopo giorno. Oggi con Nykteri si vuole indicare comunque un'eccellenza, ma si tratta piuttosto di una vendemmia tardiva (tardiva appena un po', non aspettatevi troppa morbidezza). In ogni caso quanto viene venduto con la denominazione Santorini, stabilita nel '71, può contenere anche un po' di altre uve bianche locali, ma alla fine le etichette più interessanti dichiarano Assyrtiko 100%.
 
Diversi altri vitigni autoctoni isolani, invece, vanno in bottiglia come igp Cicladi. E' il caso del Mavrotragano, un rosso quasi estinto intorno al cambio di millennio ma ben presente un secolo fa, allora destinato a produrre un vino dolce. Tuttora la produzione è molto limitata, tanto che Slow Food lo considera un prodotto da Arca del Gusto (insieme alla fava di Santorini che è una piccola gustosa cicerchia gialla non difficile da trovare nei ristoranti). Il Mavrotragano è tannico e scontroso, e il vino sembra vocato a invecchiamenti lunghi tanto che il Nebbiolo viene spesso nominato a riferimento. In verità colore e aromi mi sono sembrati assai distanti; ma in ogni caso la personalità nelle poche bottiglie c'è tutta quindi val bene l'esplorazione in loco (giacché altrove è davvero difficile trovarlo, per ora).
 
Il prodotto più intrigante, alla fine, risulta il Vinsanto. Sì, il nome è italiano o meglio veneziano, come del resto veneziano pare sia il nome stesso dell'isola, chiamata originalmente Thera. In comune coi nostri c'è l'appassimento di uve bianche, prevalentemente Assyrtiko, un paio di settimane al sole. Segue una lunga maturazione in legno che talvolta diventa lunghissima. Alcol e zucchero residuo sono variabili come da noi, mentre sembra mancare quella componente ossidativa che caratterizza le versioni toscane più tradizionali.  
 
(nella seconda parte un bel tour dell’isola in visita alle migliori aziende)
Autore: Alessandro Bosticco
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...