Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




VINviaggio

16/10/2016
Quanto č bello, discutendo, gustare pas dosč!
ingrandisci menegottibottiglie.jpg
Una degustazione molto interessante e con tanti spunti di confronto quella che le cantine Menegotti ha organizzato sabato 8 ottobre nella bellissima sede a Villafranca.
Al centro di tutto 12 dodici metodo classico pas dosè italiani, provenienti dal nord e dal sud della penisola e tra cui c’era, naturalmente, il vino di casa.
 
12 vini di ottimo livello (troverete l’elenco in basso) che hanno permesso ai molti appassionati invitati  di approfondire veramente il “momento pas dosè” che sta vivendo la bollicina italiana. Ma andiamo con ordine.
 
Per prima cosa sono abbastanza convinto che se la stessa degustazione fosse stata organizzata con dei brut millesimati non avrebbe avuto lo stesso successo di pubblico. Credo infatti che, almeno nel mondo degli appassionati, le parole “pas dosè” abbiano adesso un appeal tangibile e che la tipologia venga immedesimata sempre di più con l’altissima qualità.
Non per niente in tutte le zone italiane dove si produce  metodo classico, stanno aumentano a vista d’occhio i dosaggio zero e anche nel Prosecco Superiore diverse cantine stanno puntando a produrre una glera senza zuccheri residui.
 
Questo fenomeno è abbastanza strano e andrebbe studiato per più motivi. Il primo è che pare, almeno per adesso, ristretto quasi al solo mercato italiano e limitato all’alta gamma, mentre il resto del mondo che beve vino (con o senza bollicine) sembra invece puntare abbastanza decisamente verso qualcosa  di sempre più dolce.
 
Che i pas dosè rappresentino una nicchia snob, un’enclave di resistenza al dolce appiattimento che avanza?  Non posso certo dire se sia vero o no,  ma non mi vergognerei assolutamente di farne parte perché, come è emerso dall’assaggio, si tratta di vini che fanno godere non solo nell’essere bevuti, ma anche nell’essere ragionati, discussi, vagliati.
 
A questo punto spieghiamo come era organizzato l’assaggio: 3 batterie di 4 vini, tutti bendati. Questi erano discussi in maniera abbastanza irriverente e provocatoria da Giampaolo Giacobbo, Costantino Gabardi e NIcola Bonera, naturalmente con molti interventi da parte dei partecipanti all’assaggio.
 
Di ogni batteria  ogni tavolo doveva decretare un vincitore e alla fine i tre migliori  si sono confrontati in una finale dove il vincitore è stato… il pas dosè. Infatti non serve sapere il migliore di questo bel gioco ma cosa è uscito fuori dal confronto e dall’assaggio.
 
Per prima cosa che il pas dosè “digerisce” il legno ma forse si esprime meglio senza. Questo non l’ho detto io ma è uscito fuori dalle valutazione dei vini. del resto se un pas dosè deve rappresentare l’ottima uva di un territorio o addirittura un determinato vigneto  forse è meglio se viene vinificato nella maniera più “neutra” possibile, cercando di far sviluppare al meglio gli aromi del vitigno in quel particolare terroir.
ingrandisci menegotti.jpg 
A proposito di vitigno: un’altra cosa venuta fuori è che le grandi uve internazionali sono ancora su un altro livello, ma alcuni vitigni autoctoni hanno tutte le carte in regola per confrontarsi alla pari.
Uno su tutti, che mi aveva sorpreso già da qualche tempo, è la corvina. Il pas dosè di Menegotti (insieme a qualche altro nato nella zona di Custoza) è l’esempio che questo vitigno non solo è estremamente versatile, ma riesce ad avere sviluppi di complessità al naso e profondità al palato anche sotto forma di bollicina che non ti aspetti.  Mi sento di metterla tra le grandi uve italiane per produrre eccezionali metodo classico.
 
Ma torniamo ai pas dosè: mi piace vederli come ottimi (in alcuni casi grandi) vini fermi  “prestati” al mondo delle bollicine. Sono anche vini straordinariamente sinceri perché non hanno il paracadute della liqueur che li salvi da possibile difetti o errori di vinificazione. Rappresentano nel bene (e qualche volta, purtroppo,  anche nel male) la voce del vigneto e del produttore, che ti arriva al palato e all’orecchio senza alcun impianto di amplificazione. Può essere esile o roboante, metallica o armonica, ma sempre vera.
Quindi se c’è stato un aumento, anche e soprattutto qualitativo, di questi vini può essere che dipenda da un miglioramento/invecchiamento del parco vitato dedito a bollicine e da una mano più sicura, meno imbarazzata da dubbi giovanili, nella gestione del prodotto in cantina?
Lo spero vivamente, perché se fosse vero in futuro non potremo che bere meglio.
 
Allora ci possiamo aspettare sempre più pas dosé? Su questo ci andrei cauto perché quello che per noi appassionati sembra una certezza, se si vanno a prendere i numeri si scopre essere veramente  un mercato di nicchia; tale credo rimarrà anche in futuro ma in questa fresca  e convincente nicchia ci si potranno togliere tante soddisfazioni.
 
- - - - - - - - - - - - - - - - -

 
Eccovi i vini degustati  sabato 8 ottobre, voi quale avreste premiato?

 
1^ batteria
Opera Val di Cembra 2009, Brut Nature, (100% ch, 400-500 mt  slm, 40 mesi sui lieviti)
ingrandisci memegottirealtori.jpgMonsupello Brut Nature s.a.  (90% pn, 5% ch acciaio, 5% ch legno, 150 mt slm 56 mesi sui lieviti)
Bellavista Pas Operè 2009 (65% ch 35% pn, 100-250 slm, 72 mesi sui lieviti)
Stocker Brut Nature 2011 (Sauv 33% Ch 33%, PB 33%, 500 mt slm  36 mesi sui lieviti)
 
 
2^ batteria
Menegotti 2008 Pas Dosè (Corvina 100%, 200 mt slm , 60 mesi sui lieviti)
Augusto Primo Mattia Filippi 2011 Brut Nature (100% ch, 580 mt slm, 40 mesi sui lieviti)
Ca’ del Bosco 2011 Dosage Zero (65% ch, 13% pb, 22% pn, 150 mt slm, 36 mesi sui lieviti)
Haderburg Pas Dosè 2010 (85% ch, 15% pn, 330-350 mt slm, 36 mesi sui lieviti)
 
 
3^ batteria
D’Araprì Pas Dosè s.a. (Bombino, pn, 100 mt slm, 30 mesi sui lieviti)
Quadra Franciacorta Eretiq 2011 Dosage Zero (pb 50%, pn 50%, 180 – 230 mt slm, 38 mesi sui lieviti)
Luretta Principessa Pas Dosè 2011 (Ch 100%, 200 mt slm, 18 mesi sui lieviti)
Contadi Castaldi 2005 Dosage Zero (Ch 50% PN 50%, 200 mt slm, 36 mesi sui lieviti)
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...