Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

23/10/2016
Pinot Nero in Alto Adige: buoni ma è questa la strada?
ingrandisci altoadige5.jpg
C’erano una volta i pinot nero altoatesini di nobile freschezza e grande bevibilità: oggi sembrano spariti!
 
Tranquilli, non sono svaniti nel nulla ma solo sostituiti da importanti pinot nero dall’arrembante struttura nobilitata dal legno, talvolta con sentori che puntano anche su note di...cappuccino.
Sono sempre buoni vini, ma permettetemi di ricordare e di provare un po’ di nostalgia per quei bei pinot nero dove il frutto non era irreggimentato e impastoiato in ottimi legni.
 
Ogni produttore è libero di fare le scelte che ritiene più opportune e sembra che in Alto Adige si punti, quasi coralmente, a dei pinot nero più importanti e duraturi, che lascino da parte smanie giovaniliste di leggiadria e spensieratezza per puntare in maniera forse troppo teutonica verso il “grande” pinot nero, quello borgognone, quello “serio”, quello da ricordare negli anni.
ingrandisci altoadigecastello.jpg 
Un carissimo amico produttore altoatesino lo dice chiaramente “Voglio puntare a produrre il più grande pinot nero d’Italia e poi, già che ci siamo, del mondo.” In questa visione c’è poco spazio per vini freschi e semplici.
Per questo non ci siamo meravigliati quando assaggiandoli, come regolarmente facciamo, abbiamo trovato i pinot nero altoatesini sicuramente buoni, ma forse un po’ noiosi e ripetitivi. Quello che probabilmente manca per farli grandi e diversi non credo sia la bravura del produttore ma quello che potremmo definire con la iperabusata parola “terroir”. Forse incorrerò in ire minori se aggiungo che rispetto alla Borgogna mancano gli anni, quelli che riescono a creare un grande vigneto a far conoscere veramente al produttore le potenzialità di quel vitigno in quel terreno.
 
Sicuramente tra 20-30 anni i pinot nero altoatesini (che sono comunque globalmente il fiore all’occhiello di questo vitigno in Italia) avranno grande complessità assieme a soavità, ma per adesso diversi riescono solo a mostrare muscoli e legno, con risultati non certo negativi, ma che non ti fanno perdere la testa.
 
Sono vini ottimi ma molto cerebrali, che forse avrebbero bisogno di essere più lasciati andare, liberi di esprimersi senza le regole che adesso sembrano, chi più chi meno, impastoiarli in nome di un ideale che si chiama “grande pinot nero” e che invece rischia di portare verso un “grosso pinot nero”.
ingrandisci altoadige.jpg 
Mi sono permesso questo sfogo perché amo sia questo vitigno sia l’Alto Adige e mi sembrava giusto mettere in guardia tanti amici da una strada che forse non è l’unica percorribile.
 
Detto questo i nostri assaggi non sono certo andati male, e ciò depone a favore delle grandi potenzialità del pinot nero in Alto Adige: abbiamo degustato vini delle ultime quattro annate in commercio, trovando buoni o ottimi prodotti in ognuna di esse, riscontrando così una qualità media di alto livello che rassicura quasi a 360° i molti amanti di questi vini.
Però il dubbio che questa sia la strada giusta giusta, rimane.

Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon
Degustazioni

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...