Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di pił o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La pił folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

23/10/2016
Cabernet e Merlot Alto Adige: non solo potenti
ingrandisci bolzano-da-collina-santa-maddalena.jpg
Negli anni in cui il merlot e cabernet sauvignon venivano piantati ovunque in italia, l’Alto Adige non fu da meno. Oggi non credo si piantino ancora questa due vitigni, sia perché si è capito che da quelle parti non è certo facile farli maturare, sia perché il mercato tira nettamente verso al tre uve, magari a bacca bianca.
 
Così l’Alto Adige si ritrova con vigne di cabernet e merlot che invecchiano in santa pace e a cui i produttori prodigano grandi attenzioni perché sanno che solo in quel modo potranno avere dei risultati.
 
E i risultati sono spesso buoni, come abbiamo visto nel nostro assaggio.  L’uso del legno anche qui (vedi l’articolo sul pinot nero ) è importante, ma questi due vitigni sanno digerirlo meglio e la loro potenza riesce a condurlo verso risultati di grassezza e profondità molto validi.
 
ingrandisci altoad08061.jpgForse è il cabernet sauvignon quello che riesce a puntare più in alto, quello che esprime le maggiori complessità sia al naso che in bocca,  ma anche il merlot ha mostrato una buona costanza qualitativa e soprattutto un buona “elasticità gustativa” che tanti merlot importanti  italiani vorrebbero avere.
 
Chi ci conosce sa che questi non sono certo i vini che amiamo di più, ma la loro austera linearità e  la loro riconoscibilità ci hanno colpito in positivo.
 
Siamo convinti che i produttori facciano i salti mortali per portarli a giusta maturazione (alcolica e fenolica) ma ci sembra che oramai abbiano trovato una strada ben tratteggiata, che porta a vini di buon carattere, tannini abbastanza dolci ma concreti, di buona, ottima lunghezza e ogni tanto con punte di godibile complessità.
 
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon
Degustazioni

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...