Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

15/01/2017
Lune d’argent Bordeaux blanc Clos des Lunes 2014
ingrandisci clos-des-lunes-dargent-2014.jpg
Lune d’argent si mostra di colore giallo dorato luminoso alla vista, ha naso agrumato, accompagnato da   note di  pesca bianca e floreali e un soffio di miele; sul palato è fresco e di buona intensità, molto armonico, di grande piacevolezza.
 
Si tratta di un ottimo bianco di Bordeaux, nel quale il Sémillon (il 70% dell’uvaggio) conferisce florealità e dolcezza , in perfetto equilibrio con l’agrume del Sauvignon. 
 
Attenzione: non si tratta di un Pessac-Léognan bianco, ma di un bianco secco di Sauternes. Un vino secco a Sauternes? In effetti i nomi di Sauternes e della vicina Barsac sono conosciuti in tutto il mondo per la produzione di eccezionali vini moelleux, al pari dei Tokaji ungheresi e degli Auslese del Reno e della Mosella. Può perciò sorprendere  che Olivier Bernard , patron del  Domaine de Chevalier, uno dei più importanti Châteaux delle Graves di Bordeaux,  che produce già uno dei migliori bianchi di  Pessac-Léognan , abbia deciso  di produrre vini bianchi secchi proprio a Sauternes.
 
Per la verità non è che questi ultimi mancassero del tutto in quel territorio, anche se sono alquanto rari e per quanto debbano essere commercializzati sotto la denominazione non proprio attrattiva di Bordeaux blanc. Loro  capostipite é  l’Y di Yquem, il più prestigioso Château di Sauternes, l’unico Premier cru exceptionnel.
 
Y è fatto con le stesse uve dello Château d’Yquem: 10.000 bottiglie ricavate in prevalenza da uve Sauvignon e da Sémillon non ancora attaccate dalla Botrytis.
Dapprima prodotto irregolarmente, solo in alcune annate, dal 2004 lo è ormai tutti gli anni. Yquem non è rimasto solo: anche altri grandi Châteaux del Sauternais producono  un loro bianco secco, come S di Suduiraut o Le G de Guiraud, le R de Rieussec, e a Barsac anche Doisy-Daëne ha il suo.
Il loro esempio è destinato a diffondersi. I vini dolci di tutto il mondo sono toccati da una crisi di mercato, da cui non sono rimasti immuni nemmeno i grandi Sauternes.
bellelli.jpgMa quello del Sauternais è un terroir capace di produrre anche vini secchi di alta qualità. Perché allora non tentare anche questa carta, magari accompagnata da una modifica del disciplinare che preveda dei Sauternes secchi accanto a quelli liquorosi, evitando di confondersi con il mare di vini bianchi di poco pregio di cui è pieno l’Entre-Deux –Mers? Del resto Vouvray è la dimostrazione che si possono proporre nello stesso territorio  degli eccellenti vini secchi accanto a quelli dolci e che gli uni non nuociono affatto agli altri.
 
Ecco allora che  il gruppo Castel, di cui fa parte anche il Domaine de Chevalier, ha deciso di acquistare vigne (da principio 27, poi divenuti 45 ettari) per produrvi  vini bianchi secchi, cominciando a proporre, dal 2012 (prima vendemmia), con il marchio Clos des Lunes, tre etichette: in ordine di prestigio e di prezzo, Lune Blanche, la cuvée di entrata, più semplice immediata, Lune d'Argent e Lune d’Or.   
 
Le vigne del Clos des Lunes appartenevano, prima di essere acquistate da Bernard,  allo Château Haut Caplane, una proprietà fino ad allora conosciuta per la produzione di vini dolci senza distinzione, ma vicina a Chateau Guiraud (l’altra proprietà di Bernard a Sauternes) e Yquem.
 
Lune d’argent ci è parsa la cuvée più “classica” delle tre, la più riconoscibile nella tipologia dei bianchi delle Graves. Il vino del 2014  proviene da  vigne di età media di 35 anni , site in  due terroir complementari, Sauternes (graves profonde), che conferisce  la potenza,  e Bommes (suoli costituiti da graves su substrato argilloso-calcareo),  che contribuisce con la freschezza. La resa, molto bassa, è di 26 hl./ha. Le  uve  sono raccolte a mano e pressate lentamente con una pressa pneumatica, senza essere diraspate  e senza macerazione.
 
L’affinamento è stato effettuato in parte in barriques (25%) e per il resto in vasche. Il vino è attualmente forse  nel suo momento migliore, anche se potrà essere conservato senza grandi difficoltà ancora per un paio di anni.
 
Lune d’Argent è proposto alla vendita in Italia da Millésima (www.millesima.it)  a 155 euro la cassa da 12 bottiglie.
Autore: Guglielmo Bellelli
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...