Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, clicca su "Approfondisci".
Proseguendo la navigazione, acconsenti alla raccolta e all'uso dei cookie.

Accetto l'uso dei cookie          Approfondisci
loading
Facebook Winesurf Youtube Winesurf Twitter Winesurf
Chi siamo Filosofia LINK
Una vera guida online aggiornata in tempo reale
Racconti fantastici che riguardano il mondo del vino
La più folle enciclopedia del vino
Vinchiesta: le nostre inchieste sul vino
vinformo
vinviaggio
vinteressa
Cosa accade nel vino al sud
Le nostre soste
Quello che i 'giovani' garantiscono
Carlo MacchiKyle Phillips Lorenzo ColomboRoberto Giuliani
Luciano PignataroStefano TesiAngelo PerettiAndrea Petrini
VinItalia

Naviga la mappa per scoprire le degustazioni dei vini regione per regione




Vinacoteca

06/11/2016
Brunello di Montalcino Riserva 2010: piedi e portafogli di piombo!
ingrandisci montalcino.jpg
Se il 2010 non è annata da riserva non lo è nessuna!  Quindi, pur avendo le nostre remore storiche sul fare riserva in denominazioni di vini da lungo invecchiamento come Brunello, Barolo, Barbaresco e Amarone, ci siamo avvicinati all’assaggio con una relativa tranquillità.
 
Mano a mano che andavamo avanti la tranquillità diminuiva e la degustazione diveniva sempre più divisa in due parti distinte: da una parte quelle (poche) cantine che sfruttando la vendemmia hanno prodotto grandi vini a cui il termine riserva si attaglia perfettamente, dall’altra le (tante) cantine che hanno pensato bene di proporre un vino più marcato da legno, più volutamente monolitico, chiamandolo riserva e vendendolo quindi ad un prezzo spesso esagerato.
 
Ci siamo posti così alcune domande.
 
ingrandisci mappa_montalcino.jpgFerme restando le grandi caratteristiche della vendemmia 2010, perché nella stragrande maggioranza dei casi si pensa alla riserva come un vino che quasi snatura la classica eleganza del sangiovese?
 
Perché i tannini devono essere una sommatoria di quelli del vino con quelli del legno e non un’ elegante e proficua fusione degli uni negli altri?
 
Perché si arrivano a produrre vinoni con tannini asciutti e talvolta amari in vendemmie dove il tannino dolce è quasi la regola?
 
Perché solo poche cantine (quasi sempre le stesse)propongono riserve che non hanno come caratteristica la potenza ma l’eleganza o comunque caratteri particolari,  mentre  la stragrande maggioranza punta sulla zoppicante equazione “vino più potente +legno importante+prezzo molto più alto del base= grandissimo vino" a prescindere?
ingrandisci sangiovese.jpg 
Insomma, la differenza sostanziale sta, secondo noi, nell’assecondare le naturali grandi caratteristiche di alcune zone in alcune annate oppure proporre sempre e comunque una ricetta di vini “strong” che sicuramente (visti i numeri e il successo della denominazione) troverà comunque un mercato.
 
La seconda idea porta fieno in cascina all’idea del vino muscolare, la prima al concetto di unicità di alcuni grandi vini. Montalcino dovrebbe assolutamente puntare alla seconda, o no???
 
Non abbiamo risposta a questa e alle altre domande e forse per questo vogliamo dare un consiglio ai consumatori finali: con i Brunello Riserva 2010 (come con le riserve di altri anni)  bisogna andarci con i piedi e il portafoglio di piombo!
 
Ce ne sono un discreto numero (diciamo un 10-15%) che valgono l’alto prezzo a cui vengono venduti: sono vini di grandissimo pregio, con possibilità di sviluppare finezze e complessità di tale livello da inserirli di diritto tra i più grandi vini del mondo. Il resto è quasi tutto composto da vinoni velleitari a cui 10-20 anni di maturazione potranno servire solo… ad invecchiarli, sperando in bene.
Autore: Carlo Macchi
facebook twitter technorati digg Del.icio.us stumbleupon
Degustazioni

Presta Orecchio
WinesurfTube




VINformo
25/03/2017

La stampa estera a portata di clic:Terre de Vins, n.46, marzo-aprile 2017

Due i titoli di copertina. Il primo, più grande: Le migliori 100 carte dei ...

18/03/2017

Il 26 marzo Vin'a Trani, alla sua terza edizione

Alla sua terza edizione Vin’a Trani, si presenta con una selezione di oltre 40 ...